Il rocker di Zocca: ‘Ringrazio sempre il cielo e la chitarra’

“Alla fine di tutto o all’inizio di tutto ringrazio sempre il cielo e la chitarra”. Con queste parole Vasco Rossi ha accettato la cittadinanza onoraria di Modena, concessagli dopo il grande concerto dell’1 luglio. “Ringrazio tutti coloro che hanno reso possibile questo evento epocale – ha detto Vasco nel suo discorso – il popolo del rock, che ha invaso pacificamente la città di Modena, tutti i miei collaboratori che hanno lavorato giorno e notte per far sì che si realizzasse la tempesta perfetta. Tutta la banda al mio fianco. Grazie all’amministrazione comunale di Modena e al sindaco, Giancarlo Muzzarelli che per primo che ci ha creduto e ha lavorato per sensibilizzare anche quella parte di cittadini prevedibilmente all’inizio un po’ spaventati. Grazie ai volontari, alle forze di polizia, alla questura, prefettura, ai vigili urbani e ancora tutti i modenesi che ci hanno accolto con la loro proverbiale disponibilità”.

 

“Il 2017 è stato l’anno di Modena Park, l’1 luglio 2017 ha vinto la musica contro la paura e Modena è diventata la capitale mondiale del rock”. Lo ha detto Vasco Rossi, ricevendo a Modena le chiavi della città e la cittadinanza onoraria. “L’occasione per festeggiare i miei primi 40 anni di musica e canzoni – ha detto – si è trasformato nel più grande raduno rock della storia della musica italiana. Un evento di portata Mondiale che ha stabilito una serie di record”.
fonte ansa

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: