Disperso in Appennino, trovato in quota Nottata all’addiaccio ma in buone condizioni di salute

E’ stato recuperato da una parete alle pendici del Monte Bocco l’escursionista 51enne disperso in quota a Lagastrello di Comano (Massa Carrara), sull’Appennino Tosco-Emiliano, in un’area al confine con la provincia di Parma, dov’è rimasto bloccato dall’ora di pranzo del 5 gennaio. E’ in buone condizioni di salute, nonostante la nottata all’addiaccio.
L’uomo, un geologo del Reggiano residente nel Parmense, aveva chiamato i soccorsi intorno alle 18.15, quando era a una quota di circa 1.300 metri, poi i contatti si erano interrotti. Aveva raccontato di essere caduto, perdendo la piccozza e rompendo un rampone. A quel punto, si era fermato.
Laboriose le ricerche, in mezzo a nebbia e maltempo, dei Vigili del fuoco con il nucleo Speleo alpino fluviale (Saf) e del Soccorso alpino emiliano e toscano. La svolta è avvenuta quando il geologo è riuscito a ricontattare il Capo stazione del Soccorso alpino, confermando di essere in un canale sulla parete sud del Monte Bocco.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: