Published On: Lun, Set 16th, 2019

Estorsioni e violenze, arrestati 12 capi ultrà Juve: il club li aveva denunciati

Share This
Tags

Operazione “Last banner”: si tratta di un’indagine coordinata dalla procura di Torino, che ha portato all’emissione da parte del gip delle misure cautelari. In corso decine di perquisizioni in diverse città italiane

Blitz della Polizia nella curva della Juventus: i capi e i principali referenti dei gruppi ultrà bianconeri sono stati arrestati nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Torino, che ha portato all’emissione da parte del gip di 12 misure cautelari. Ad essere stati arrestati, nell’operazione “Last banner”, sono i capi e i principali referenti dei gruppi “Drughi”, “Tradizione-Antichi valori”, “Viking”, “Nucleo 1985” e “Quelli… di via Filadelfia”.

Tra gli arrestati lo storico leader della curva bianconera e capo assoluto dei Drughi, Dino Mocciola: era già finito in carcere all’inizio degli anni Novanta per aver ucciso durante una rapina un carabiniere e sarebbe lui uno dei responsabili delle infiltrazioni della ‘ndrangheta in curva. In più il suo braccio destro Salvatore Cava, il leader del gruppo Tradizione Umberto Toia, Beppe Franzo, presidente dell’associazione “Quelli di via Filadelfia”. Tutti nomi molto conosciuti e “rispettati” negli ambienti del tifo organizzato bianconero. L’indagine è collegata alle precedenti della Mobile di Torino che avevano individuato le infiltrazioni ‘ndranghetiste in curva. Tra le minacce dei tifosi al club quella di effettuare cori razzisti durante le partite della scorsa stagione, un modo per provare a ottenere biglietti in numero superiore al consentito.

LE ACCUSE

Secondo la pm Chiara Maina e il procuratore aggiunto Patrizia Caputo, che hanno coordinato le indagini della Digos, le accuse sono, a vario titolo, associazione a delinquere, estorsione aggravata, autoriciclaggio e violenza privata. In corso anche decine di perquisizioni in diverse città italiane: Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella, nei riguardi di altri 37 referenti di gruppi ultrà (oltre a questi c’è anche il “N.A.B. – Nucleo Armato Bianconero”), anch’essi indagati.

In questo filmato pubblicato dalla Polizia di Stato sono ripresi i soggetti incriminati nell'atto della compravendita: si tratta delle immagini che li hanno incastrati

A far scattare le indagini è stata la denuncia sporta dalla Juventus un anno fa. Secondo quanto rivelato dalla società agli inquirenti, dopo l’interruzione due anni fa di alcuni vantaggi concessi ai gruppi ultras, i loro referenti avrebbero messo in campo strategie estorsive per riavere i vantaggi soppressi. I “Drughi”, poi, sarebbero riusciti a recuperare centinaia di biglietti di accesso allo stadio per le partite casalinghe della Juve avvalendosi di otto biglietterie compiacenti sparse su tutto il territorio nazionale.

fonte gazzetta dell sport

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette