Published On: Mer, Nov 20th, 2019

Zeda, l’ultima Maserati GranTurismo alla “vecchia maniera”

Share This
Tags

Dopo 12 anni la supercar modenese dice addio alla linea di montaggio, per lasciare spazio alla prossima serie ad alte prestazioni

Si chiude oggi l’onorata carriera della Maserati Granturismo. Dopo ben 12 anni esce dalle linee storiche dello stabilimento di viale Ciro Menotti l’ultimo esemplare della dinastia. In tutto questo tempo il fascino della sua linea e il rombo del suo V8 aspirato non hanno mai smesso di incantare gli appassionati, nelle molteplici versioni S, MC, MC Sport Line, Sport e MC Stradale; oltre alle GranCabrio.

A mettere la parola fine a questo bel capitolo della storia del Tridente ci pensa un esemplare speciale, la Granturismo Zéda (Z in dialetto bolognese), che attraverso il suo colore che sfuma da materia grezza a tinta speciale, vuole rappresentare un ponte tra passato, presente e futuro, per proiettare l’azienda verso un nuovo inizio.

I numeri di un successo
La GranTurismo ha debuttato al Salone di Ginevra nel 2007. Coupé 4 posti, a due porte, con motore 8 cilindri aspirato e design firmato Pinifarina, è nata come un’interpretazione moderna della Maserati A6 1500 del 1947.

Nel 2009, debutta al Salone di Francoforte la GranCabrio. Dal MY18 gli esterni sono disponibili in 16 colori e ci sono 14 cerchi in lega leggera in sei diversi modelli, più 9 colori di pinze freno. In totale, ci sono oltre 400.000 possibili combinazioni.

Con l’ultima evoluzione il V8 Ferrari da 4,7 L era in grado di erogare una potenza di 460 CV 520 Nm. Dal 2007 a oggi ne sono stati venduti oltre 40.000 esemplari in tutto il mondo, di cui 28.805 GranTurismo e 11.715 GranCabrio.

Un grande passo
La conclusione della produzione nello stabilimento modenese darà modo di avviare i lavori di aggiornamento delle linee di produzione, per un rinnovamento che vedrà l’impianto dedicarsi alla costruzione della nuova super sportiva che sarà presentata a maggio 2020, come sancisce un teaser ufficiale.

La nuova auto sarà caratterizzata da tecnologie inedite fra cui una variante completamente elettrica. Per la sua produzione lo stabilimento di Modena si doterà di una nuova linea di verniciatura, a basso impatto ambientale, che oltre a rendere autonomo lo stabilimento modenese (fino ad oggi le scocche venivano verniciate in Ferrari) consentirà ai clienti di assistere personalmente a questo processo e all’eventuale personalizzazione della propria auto che rimarranno artigianali.
La Fabbrica Maserati da questo punto di vista non sarà snaturata, e se volete scoprirne le caratteristiche non dovete far altro che fare play sul documentario che vi abbiamo dedicato nell’ambito della webserie Made in Motor Valley.

GranTurismo Zéda, dopo la fine un nuovo inizio
Tornando alla Granturismo Zéda, vale la pena soffermarsi sulla caratteristiche della colorazione che cambia dal posteriore verso il frontale: le superfici si arricchiscono passando da un effetto satinato chiaro fino ad un color metalluro brunito.
La parte centrale si trasforma ulteriormente diventando più profonda e arrivando al blu Maserati che si evolve e diventa energetico, elettrico, quasi vivo, come fosse uno specchio.

La realizzazione di questi effetti avviene attraverso la manualità e si ritorna, così, indietro nel tempo, con l’apporto delle tecnologia e conoscenze di oggi, per proiettarsi verso un nuovo corso di stile e tecnologia.

www.omniauto.it

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette