Published On: Mer, Gen 15th, 2020

Peugeot 208 PureTech 130 benzina, la prova dei consumi reali

Share This
Tags

Bella da “vivere” e da guidare, come un’auto di categoria superiore

Efficienza buona
L’evoluzione continua dell’auto ci fa vedere meraviglie a livello di ausili alla guida, infotainment, sicurezza e comodità, ma non sempre i consumi fanno passi in avanti altrettanto evidenti. Un esempio può essere quello della nuova Peugeot 208 che affronta la prova consumi reali Roma-Forlì con il potente e piacevolissimo motore PureTech 130 CV a benzina ottenendo un’ottima media di 4,55 l/100 km (21,98 km/l).

Questo non consente però alla rinnovata compatta francese di migliorare il risultato ottenuto dalla 208 precedente con lo stesso 1.2 da 110 CV, capace alcuni anni fa di registrare 4,45 l/100 km (22,4 km/l). Con la nuova 208 PureTech 130 la spesa per la benzina è di 26,19 euro.

La più potente della categoria
Prima di vedere come si posiziona la nuova Peugeot 208 PureTech 130 automatica nella classifica consumi occorre ricordare che si tratta della piccola a benzina più potente mai testata nel percorso Roma-Forlì e che la media di consumo è davvero buona in valore assoluto. Fra le attenuanti c’è anche un chilometraggio iniziale molto basso: 215 km. Ciò non toglie che consumi più alti di lei li hanno registrati solo Ford Ka+ Active 1.2 85CV (4,85 l/100 km – 20,6 km/l) e Fiat Panda 1.2 (5,00 l/100 km – 20,0 km/l).

Davanti alla nuova 208 si piazzano invece Audi A1 Sportback 30 TFSI S tronic (4,35 l/100 km – 22,9 km/l), Ford Fiesta 1.0 EcoBoost 100CV (4,00 l/100 km – 25,0 km/l) e Renault Clio TCe 100 (3,70 l/100 km – 27,0 km/l), limitandoci a quelle con potenza simile alla Peugeot.
Forma e sostanza ben mixate

L’auto in prova è la PureTech 130 CV con l’ottimo cambio automatico 8 marce, sempre veloce e senza incertezze di funzionamento, per la precisione nel ricchissimo allestimento GT Line. Questo include cerchi in lega da 17”, l’utile Drive mode (eco, normal e sport) che permette di avere più auto in un’una sola, i sedili sportivi, il Visio Park 180° e la frenata d’emergenza automatica. Il tutto per un prezzo che aggiungendo vernice metallizzata e tetto apribile tocca i 27.700 euro, salvo promozioni.

l suo arco la nuova Peugeot 208 ha molte frecce che possono farla piacere, primo fra tutti lo stile moderno e originale fuori come dentro (scopritela qui in video), la strumentazione digitale i-cockpit 3D e un comportamento stradale sicuro che la fa sembrare più grande e sportiva di quanto è in realtà. Merito di una scocca rigida e di un assetto equilibrato in ogni situazione, oltre che del motore brillante collegato al cambio EAT8 davvero unico in questo segmento. Peccato che a freddo il tre cilindri di 1,2 litri tenda ad avere un po’ troppe vibrazioni che entrano fin nell’abitacolo.

Costanza nei risultati
Nelle altre prove di consumo la Peugeot 208 PureTech 130 EAT8 resta coerente con la discreta – non eccezionale – efficienza mostrata nel Roma-Forlì. Così negli spostamenti in centro a Roma non fa meglio di 9,6 l/100 km (10,4 km/l), scende a quota 6,5 l/100 km (15,3 km/l) in autostrada e si stabilizza sui 7,0 l/100 km (14,2 km/l) nell’utilizzo misto urbano-extraurbano.

In condizioni estreme la più potente delle nuove 208 a benzina tira fuori un consumo di 4,2 l/100 km (23,8 km/l) nel percorso dell’economy run e una media di 30 l/100 km (3,3 km/l) nella prova del massimo consumo in salita con guida sportiva. Alla fine della prova di oltre 800 km il computer di bordo segna una bella media di 5,9 l/100 km (16,9 km/l).

www.omniauto.it

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette