Dopo un contatto su un sito di incontri l’abuso in casa

Prima le minacce fingendosi poliziotto, poi l’aggressione ed infine la violenza sessuale ad una donna contattata dopo un annuncio su un sito di incontri. E’ accusato di tutto questo un uomo di 35 anni ora rinchiuso nel carcere di Parma.

Lo hanno fermato il 3 gennaio, attorno alle cinque di mattina, gli uomini della squadra volanti della città emiliana.
A dare l’allarme la stessa donna abusata. Per pochi attimi si è riuscita a liberare e ha digitato il 113. La breve chiamata è bastata alla centrale operativa per individuare il palazzo. E’ arrivata una pattuglia, gli agenti hanno sfondato la porta e bloccato l’uomo.
La donna ha raccontato poi alle forze dell’ordine l’aggressione subita da parte dell’uomo che poco prima, attraverso un annuncio su un sito di incontri, l’aveva contattata per una prestazione sessuale. Il ‘cliente’ aveva però subito minacciato la donna dicendo di essere un poliziotto. Poi, dopo la reazione, l’aggressione con diversi colpi al volto e infine la violenza. La donna, sotto choc, è stata trasportata al Pronto soccorso dove poi è stata dimessa con prognosi di sette giorni.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: