In questo editoriale parlerò di alcune opere da me prodotte, tra le più importanti, in primis il libro “Opera Omnia” sul pittore Amedeo Bocchi, un volume unico di 554 pagine in edizione limitata, prodotto in solo cento esemplari, nel quale con enorme impegno ho raccolto la quasi totalità delle opere del grande ed inestimabile pittore, sotto l’attenta supervisione dell’erede Emilia Bocchi fino a che è stata in vita. Venendo a mancare ed essendomi impegnato sia con lei che con sua mamma Rina Cabassi ho proseguito negli anni seguenti ad inserire le varie opere che ero riuscito a trovare presso i vari proprietari con le rispettive autorizzazioni.

Amedeo Bocchi, un grande pittore mai valorizzato abbastanza, mai riconosciuto per il suo vero valore, un grandissimo artista dal talento innato dotato di un rarissimo dono, di una manualità straordinaria e di una eccezionale visione della bellezza ancora oggi incompresa. Il giorno che vi troverete di fronte ad un suo capolavoro osservatelo bene, ma molto bene e a lungo: nel momento in cui staccherete con lo sguardo vi rimarrà impresso nella mente l’immagine plasmata della bellezza, della vera bellezza, perché la bellezza non è tutta uguale, c’è bellezza e bellezza, e la bellezza delle opere di Amedeo Bocchi è senz’altro unica e irraggiungibile.

Del grande artista ho realizzato altre opere, come le inarrivabili serigrafie d’arte di “Bianca dalla gonna rossa”, “Bianca in grigio” “e Bianca in giardino”, delle quali vi parlerò in un prossimo editoriale. Oltre alle tre sculture in bronzo, un elefante, un cavallo e la testa del padre realizzata per onorare la sua tomba, che saranno oggetto di un altro editoriale. Nella mia veste di editore ho realizzato tante altre opere, tra cui le splendide serigrafie del pittore Stefano Spagnoli, che sono state scelte per arredare le suite di una delle navi da crociera più grandi del mondo, la Carnival. O come le insuperabili opere delle città futuristiche di Michele Evola, architetto siciliano con un indiscutibile talento artistico riconosciuto a livello internazionale, anche dalla casa d’asta Christie dove sono in vendita.

Passando poi dal libro “Vent’anni dopo su Amedeo Bocchi”, in occasione del ventennale della sua scomparsa, a “Pittori Parmensi dell’Ottocento” di Maria Tanara Sacchelli, e ancora al libro di poesie di Marisa Terzi (“E la sigaretta brucia”) oltre a tanti altri. Per finire il vocabolario del dialetto parmigiano in doppia versione (da italiano a parmigiano e viceversa), in diversi formati, ricercatissimo da tutti, non solo a Parma ma anche nel mondo intero, ovunque ci sia un parmigiano. Una pietra miliare che rimarrà per sempre un oggetto di culto di estrema rilevanza linguistica, alla portata di tutti nella versione economica, a cui dedicherò una presentazione specifica e dettagliata. E naturalmente l’edito Zerosette che state leggendo adesso, unico esempio di giornale gratuito presente sul territorio parmense da ben diciotto anni, che puntualmente vi informa su tutte le malefatte del territorio, certo non tanto dirà qualcuno… ma cosa c’è mai stato a Parma di mezzo informativo accessibile a tutti e usufruibile gratuitamente in ogni momento? pagate profumatamente un’informazione di parte che non vi informa mai sui veri scandali di Parma e provincia, orsù… www.zerosette.it

Marcello Valentino

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *