Seguire una corretta alimentazione in gravidanza è molto importante dal momento che attraverso gli alimenti si possono accumulare non solo chili di troppo ma anche contrarre infezioni potenzialmente pericolose per il bambino. Ecco gli alimenti da evitare in gravidanza.

Innanzitutto, è importante che la donna in gravidanza si nutra in modo regolare, evitando di saltare pasti o, al contrario, di nutrirsi in modo pressoché continuo, prestando attenzione anche alla varietà e qualità dei cibi.

È consigliabile frazionare i pasti seguendo uno schema regolare che prevede: colazione, spuntino, pranzo, spuntino e cena. Alimentazione in gravidanza: cosa mangiare?

Laddove non vi siano esigenze specifiche, l’alimentazione in gravidanza dovrà essere varia, sana e digeribile; gli esperti consigliano:

  • frutta e verdura fresca ogni giorno perché ricca di fibre, vitamine, minerali;

  • cereali integrali per l’apporto di fibre;

  • carne e pesce quale fonte di proteine, minerali, vitamine;

  • olio extravergine di oliva;

  • bere molta acqua.

Alimenti da evitare in gravidanza:

  • carni crude o poco cotte e il consumo di salumi e insaccati poco stagionati;

  • cibi preconfezionati e conservati;

  • caramelle, biscotti, marmellata, bevande zuccherine, pasticceria, cioccolato spalmabile;

  • cibi grassi, fritti, burro, sughi e condimenti elaborati.

È preferibile, inoltre, ridurre il consumo di cereali raffinati come pane, patate, riso, pasta e limitare le quantità di sale.
Dieta in gravidanza

Durante la gravidanza il fabbisogno energetico quotidiano aumenta di circa 250/300 calorie ed è importante scegliere gli alimenti giusti per garantirsi le giuste calorie, ma anche le sostanze nutritive indispensabili per la propria salute e per un corretto sviluppo del feto.

L’acido folico è importantissimo perché previene un gran numero di malformazioni fetali (come la spina bifida). Quindi è bene assumere regolarmente alimenti ricchi di folati (come verdure a foglia verde, agrumi, banane, latte, fragole, frutta secca, cavoli, asparagi, cereali integrali, legumi, fegato e lievito di birra) ed eventualmente, su indicazione del medico, assumere un integratore specifico.

Consuma regolarmente il pesce. È ricco di acidi grassi Omega 3 e favorisce un corretto sviluppo del cervello del feto.

Presta attenzione alla toxoplasmosi e alle altre infezioni. Se la futura mamma non ha avuto la toxoplasmosi è bene che eviti alcuni cibi che possono potenzialmente essere veicolo di questa infezione: salumi, carne cruda o poco cotta, verdure crude (vanno consumate solo dopo averle ben lavate con un cucchiaino di bicarbonato). Per proteggersi da altre infezioni (come la salmonellosi, ad esempio), è bene consumare la carne, il pesce e le uova sempre dopo una adeguata cottura.

Bevi almeno due litri di acqua al giorno. È indispensabile per la formazione di tutti i nuovi liquidi nell’organismo materno e in quello fetale (liquido amniotico, massa di sangue materna e fetale ecc..).

Limita il consumo del sale. Non superare i 5 grammi al giorno per evitare il ristagno dei liquidi. È importante non bere alcolici e limitare il consumo di bevande nervine (caffè, tè, cola).

(Fonte: Paginemediche.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *