Published On: Lun, Feb 10th, 2020

Studente arrestato in Egitto, cresce la preoccupazione

Share This
Tags

Lo ha chiesto l’Italia. Di Maio segue da vicino la situazione

Il ministro Di Maio, per il tramite dell’Ambasciata d’Italia al Cairo, segue da vicino e fin dal primo momento il caso dello studente egiziano Patrick George Zaki. L’Italia, si apprende da fonti della Farnesina, ha chiesto l’inserimento del caso all’interno del meccanismo di ‘monitoraggio processuale’ coordinato dalla delegazione Ue in loco che consente ai funzionari delle ambasciate Ue di monitorare l’evoluzione del processo e presenziare alle udienze.
Roma continuerà a seguire il caso sia tramite il coordinamento con i partner che attraverso altri canali rilevanti.

Un tweet del ministero dell’Interno egiziano ha confermato che Patrick George Zaki, attivista che studia all’Università di Bologna, è stato arrestato su mandato della procura generale e posto in custodia cautelare per 15 giorni. Riferendosi a “informazioni pubblicate su qualche sito sospetto delle reti sociali”, il dicastero ha smentito che Patrick sia italiano e ha affermato che ha “nazionalità egiziana”.

”Il mio Ministero si è subito attivato insieme all’università di Bologna per ricostruire la situazione dello studente Zaky. Lo studente è stato selezionato nell’ambito di un master europeo tenuto da università di diversi paesi. Insieme al Ministro Di Maio stiamo operando tramite i canali diplomatici per reperire informazioni certe e trasparenti e verificare la situazione in maniera accurata nel rispetto dei diritti della persona”. Lo dice Gaetano Manfredi, ministro dell’Università e della Ricerca scientifica.

fonte ansa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette