Si ipotizza anche l’ufficializzazione dell’addio alle clausole di salvaguardia sull’Iva dal 2021. I numeri saranno indicati nel Def per il quale è atteso un Cdm previsto in serata

Per le nuove misure da mettere in campo contro i danni economici del Coronavirus il governo si starebbe apprestando, secondo quanto si apprende, a chiedere al Parlamento uno scostamento dagli obiettivi di deficit fino a 55 miliardi. Le tabelle del Def dovrebbero registrare così un calo del Pil intorno all’8%, un deficit poco oltre il 10% e un debito fino al 155%.

Inoltre, il governo dovrebbe ufficializzare con il Def l’addio alle clausole di salvaguardia sull’Iva dal 2021. L’idea è quella di assorbire e quindi annullare una volta per tutte la clausola, anche per dare un segnale – spiegano fonti dei diversi partiti della maggioranza – di stabilità dei conti pubblici rispetto ai mercati finanziari.

I numeri saranno indicati nel Def per il quale è atteso un Cdm che si ipotizza si terrà nella tarda serata di oggi.

Dieci miliardi destinati alle imprese – la platea dovrebbe essere quella delle piccole Srl sotto i dieci dipendenti – e 13 miliardi destinati agli ammortizzatori. Sarebbero queste, secondo diverse fonti di governo, alcune delle priorità stabilite del decreto aprile in vista del quale, nelle prossime ore, il governo darà via libera ad un nuovo scostamento di bilancio. Nel provvedimento si dovrebbero destinare ulteriori 12 miliardi per anticipare alle imprese creditrici i pagamenti della Pa.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: