Published On: Gio, Mag 7th, 2020

Coronavirus, tutti i lati (ancora) oscuri: dalle origini ai sintomi fino agli anticorpi

Share This
Tags

Sono state tante le affermazioni contraddittorie, a volte arrivate dagli stessi virologi

Dalle origini nei pipistrelli al mistero dell’animale in cui si ì modificato; dalla capacità di diffondersi rapidamente e silenziosamente, al perché in alcuni casi non dà nemmeno sintomi e in altri uccide: il virus SarsCoV2, responsabile della pandemia di Covid-19, è ancora pieno di aspetti sconosciuti, capace di passare inosservato oppure di far esplodere una malattia devastante. E’ anche “capace di espandersi come un incendio in tutti i Paesi”, come ha scritto sulla rivista The Lancet l’infettivologo Johan Giesecke. Covid-19, ha osservato ancora Giesecke, “è una malattia altamente infettiva e che si diffonde rapidamente. Spesso quasi non dà sintomi e potrebbe passare inosservata, ma può anche causare una malattia severa e perfino la morte”. E, comunque, si porta dietro una lunga serie di domane senza risposte.

Troppe affermazione contradditorie – Una malattia che al momento sembra piena di contraddizioni, così come sono state “troppe le affermazioni contraddittorie” che ne hanno dato in molti, “virologi e poco esperti di scienza”, ha rilevato il virologo Giorgio Palù, dell’Università di Padova. “E’ troppo presto per trarre ogni conclusione su questo virus, ma bisogna affrontarlo con un approccio scientifico, considerando che la scienza ha i suoi tempi”, ha aggiunto. “Al meglio di quello che so e delle conoscenze scientifiche disponibili”, ha proseguito il virologo, ecco i principali aspetti del comportamento del nuovo coronavirus che andrebbero approfonditi.

 

Dubbi sull’origine: la “parentela” con il pipistrello e l’ipotesi laboratorio – Mentre soprattutto negli Stati Uniti prosegue la polemica sulla possibile nascita del virus in un laboratorio di Wuhan, la sequenza genetica del virus SarsCoV2 indica una parentela con il pipistrello del genere Rhinolophus, più noto come ‘Ferro di cavallo’. L’unica differenza, ha osservato Palù, è in 4-5 amminoacidi della proteina Spike, la punta che il virus utilizza per aggredire le cellule umane attraverso il recettore Ace2. Alla ricerca di affinità con questo recettore “si era pensato a un animale come ospite intermedio, ma poi non si è trovato”.

 

La certezza: non è una influenza – All’inizio qualcuno lo aveva detto, ma molto presto è emerso che si tratta di una malattia molto più aggressiva perché il recettore Ace2 si trova sulle cellule di molti organi, come cuore, intestino, fegato. “Forse fin da subito si poteva pensare che avrebbe potuto infettare altre parti dell’organismo, ma lo si è capito solo dopo”, ha detto ancora Palù. Adesso è chiaro che Covid-19 non è una malattia respiratoria ma una malattia sistemica.

 

Contagioso anche senza sintomi – Anche a questo proposito si era detto il contrario, ma si è visto che “la carica virale è molto alta prima che compaiano i sintomi”. Inizialmente si pensava che dal momento dell’infezione la capacità di infettare durasse circa 7 giorni, ma anche in questo caso i fatti indicano qualcosa di diverso e al momento “non sappiamo – ha detto Palù – per quanto tempo effettivamente in un soggetto può albergare il virus”. Sarebbe utile, ha aggiunto, “conoscere di più la biologia del virus studiando gli asintomatici”.

 

I dubb sugli anticorpi – “Che l’immunità ci sia lo hanno dimostrato tante ricerche cinesi, dalle quali emerge che tutti i guariti hanno alta frequenza di anticorpi”, ha rilevato Palù. Resta da capire quanto dura il loro effetto: dovremmo studiare gli individui con anticorpi neutralizzanti in tempi diversi fino a trovare – ha concluso – la concentrazione di anticorpi capace di dare protezione”.

fonte tgcom24

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Video Zerosette