Divieto di consumo di alcol, palestre e piscine solo per minori

La città di Parigi e la sua banlieue hanno superato tutti e 3 i limiti fissati dalle autorità sanitarie per le zone rosse ed entra in zona scarlatta, cioè in zona di massima allerta, come Marsiglia e Aix-en-Provence. Lo ha confermato il direttore generale della agenzia sanitaria dell’Ile-de-France, Auélien Rousseau, precisando che il tasso di incidenza ha toccato i 260 contagi su 100.000 persone, che per gli over 65 (limite fissato a 100) si è toccato 110 e – soprattutto – che “nei reparti di rianimazione i malati Covid occupano il 36% dei letti”. Il limite era stato fissato al 30%.

La stretta delle regole sanitarie su Parigi – passata in Zona di Massima Allerta (rosso scarlatto sulle cartine) – “rimarrà in vigore 15 giorni” al termine dei quali sarà fatta “una verifica nella massima trasparenza” sull’evoluzione dei dati della pandemia.

I bar saranno chiusi da domani per 15 giorni, mentre i ristoranti resteranno aperti con un protocollo di restrizioni rafforzato.  Sarà vietato consumo alcol nelle strade, i mercati resteranno aperti. Palestre e piscine saranno chiuse ma resteranno aperte soltanto per i minorenni.

“E’ una nuova tappa, bisogna essere all’altezza della sfida”: lo ha detto Didier Lallement, il prefetto di polizia di Parigi. “L’epidemia va troppo veloce. Bisogna frenare ora per evitare che il nostro sistema di salute non sia sopraffatto”, ha avvertito il prefetto.

VON DER LEYEN IN AUTOISOLAMENTO, 159 POSITIVI NELLO STAFF DELLA COMMISSIONE UE

Boom di casi in Gb, 12.600 in 24 ore – Boom di contagi da coronavirus nel Regno Unito. In 24 ore ne sono stati registrati 12.594, secondo le cifre diffuse dal governo. Le vittime sono 19, secondo quanto riporta la Bbc. Il dato arriva all’indomani di una giornata di caos nei conteggi, da cui è emerso che circa 16.000 casi tra il 25 settembre ed il 2 ottobre non erano stati conteggiati.

Belgio oltre 2mila casi al giorno (+32%) – Il numero medio di nuove infezioni da Coronavirus in Belgio è stato di 2.103,3 al giorno tra il 25 settembre e l’1 ottobre, segnando un aumento del 32% rispetto alla settimana precedente, secondo gli ultimi dati aggiornati dalle autorità sanitarie. Anche i ricoveri negli ospedali sono in aumento, con una media giornaliera di 77,3 pazienti, ed un incremento del 21% (dal 28 settembre al 4 ottobre). La media giornaliera dei decessi (dal 25 settembre al primo ottobre) è salita da 4,7 a 9,4, con un incremento del 100%.

Russia, 45mila morti, il doppio degli ufficiali – Le statistiche del governo russo suggeriscono che più di 45.000 persone sono morte per coronavirus dall’inizio della pandemia, ovvero più del doppio del numero stimato dalla task force contro il Covid-19. Lo scrive il Moscow Times. Secondo l’agenzia statale di statistica Rosstat, 45.663 persone a cui è stato diagnosticato il Covid-19 sono morte tra aprile e agosto in Russia. Ma la task force nazionale, che raccoglie le cifre giornaliere sulla base dei dati riportati dai centri di crisi regionali, colloca il numero totale di morti a 21.475. Dunque meno della metà del totale dei cinque mesi di Rosstat.

Il Comune di Mosca sta esaminando un possibile rafforzamento delle misure di lotta al Covid-19, compreso il ritorno al regime dei pass in vigore dal 15 aprile al 9 giugno nella capitale russa, durante il periodo di isolamento. In Russia si va verso la chiusura delle scuole di Mosca e delle regioni di Ulyanovsk e di Sakhalin, dove si passerà all’insegnamento a distanza.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: