Published On: Ven, Nov 13th, 2020

Covid, la Francia prolunga il lockdown di 15 giorni

Share This
Tags

Nel mondo 52 milioni di contagi. In Germania medici e infermieri potranno lavorare se c’è carenza di personale

Sono oltre 52 milioni i casi di contagio registrati nel mondo dall’inizio della pandemia di Covid-19, secondo i dati dell’università americana Johns Hopkins. I decessi totali sono oltre 1,28 milioni. Il paese più colpito al mondo dal nuovo coronavirus in termini assoluti restano gli Stati Uniti, con più di 10 milioni di casi e quasi 241 mila vittime.

Seguono l’India e il Brasile.

”Quando le persone si combattono l’un l’altro nel bel mezzo di una pandemia l’unico a vincere è il virus”, scrive in un tweet il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres che ribadisce: “abbiamo bisogno di una rinnovata spinta alla pace per raggiungere un cessate il fuoco globale”. ”Solo lavorando insieme possiamo sconfiggere il Covid 19, prevenire la catastrofe climatica e aprire la strada ad un mondo migliore”.

Francia – “Abbiamo deciso di mantenere invariate, almeno per i prossimi 15 giorni, le regole del lockdown”: è quanto annunciato dal premier francese, Jean Castex. I negozi cosiddetti ‘non essenziali’ resteranno dunque chiusi. Rivolgendosi ai cronisti, Castex ha detto che se i dati ospedalieri dovessero continuare ad aumentare le autorità saranno costrette a varare nuove misure. Attualmente, ha avvertito, il numero di pazienti Covid-19 ricoverati supera il picco del mese di aprile. “In Francia registriamo un ricovero ogni 30 secondi e un’ammissione in rianimazione ogni tre minuti”. Castex ha precisato che il 40% di questi pazienti hanno meno di 65 anni. Ha inoltre aggiunto che “un decesso su quattro in Francia è ormai dovuto al coronavirus”. Oggi, all’Eliseo, si è tenuto un nuovo consiglio di difesa sanitario dedicato all’epidemia. La Francia ha dunque deciso di mantenere attivo il lockdown almeno fino a fine mese. Per placare la rabbia dei commercianti, Castex ha comunque evocato un possibile “alleggerimento”, se la situazione lo permetterà, su alcune attività commerciali, ma non per bar, ristoranti e palestre, a partire dal primo dicembre. Dopo la possibile riapertura dei negozi, al termine del lockdown, il primo dicembre, il primo ministro ha annunciato un “nuovo alleggerimento” delle misure per le vacanze di Natale, così da permettere ai francesi di ritrovarsi in famiglia. Questo, se la circolazione del virus e la pressione sugli ospedali continuerà a diminuire come negli ultimi giorni. Il premier ha però consigliato di evitare “grandi feste e veglioni con decine di persone”, soprattutto per l’ultimo dell’anno.

Germania – Nel caso di mancanza di personale nelle strutture ospedaliere, anche i medici e infermieri positivi al Covid-19 potranno essere impiegati ricorrendo a “misure di protezione speciali”. Lo ha detto il ministro della Salute tedesco Jens Spahn, citato dalla Dpa, intervenendo alla Giornata dell’assistenza. In caso di assenza di alternative, dunque, anche il personale medico o deputato alla cura che sia positivo al virus sarà chiamato a lavorare.

Pakistan – 1.808 persone hanno contratto il virus del Covid-19 nelle ultime 24 ore, in cui cui sono stati 34 morti. Il totale dei casi registrati dall’inizio della pandemia sfiora i 350.000,, mentre il bilancio totale dei decessi arriva a 7.055. Lo rende noto il ministero della Sanità di Islamabad, I pazienti gravi sono 1.164, con un incremento di 55 nelle ultime 24 ore, mentre da ieri ci sono statoi 784 guarigioni, che portano il totale dei guariti a 320.849.

Russia – Nelle ultime 24 ore sono stati accertati 439 decessi provocati dal Covid-19: si tratta del numero massimo finora registrato in un solo giorno dall’inizio dell’epidemia. Lo riporta il centro operativo nazionale anti-coronavirus. Ufficialmente, le vittime del virus Sars-Cov-2 in Russia sono in tutto 32.032. Sono in aumento anche i nuovi contagi che, dopo cinque giorni consecutivi sopra quota 20.000, ieri erano scesi a 19.851 ma oggi risalgono a 21.608. I casi di Covid-19 accertati in Russia dall’inizio dell’epidemia sono 1.858.568.

Germania -“La situazione resta molto seria”. Lo ha detto il presidente del Robert Koch Institut Lothar Wieler, a Berlino, in conferenza stampa. “I dati dei nuovi contagi restano molto alti, e aumenteranno il numero dei pazienti nelle terapie intensive e i morti”. Wieler ha anche spiegato che “il sistema sanitario potrà toccare i suoi limiti e l’epidemia potrà diffondersi in modo incontrollato in alcune regioni del Paese”. Il numero dei nuovi contagi nelle 24 ore è 21.866. L’aumento dei contagi procede però con minor forza.

Giappone – Nuovo record di infezioni di coronavirus in Giappone, con oltre 1.600 casi giornalieri in concomitanza con l’arrivo della stagione invernale. I numeri di giovedì superano quelli del giorno precedente (1.547), con la città di Tokyo a guidare l’incremento, con 393 nuovi casi che portano il totale nella capitale a 33.770, la somma più altra tra le le 47 prefetture dell’arcipelago. Le basse temperature costringono più persone a trascorrere maggior tempo al chiuso, riferiscono le autorità, e a questo riguardo la regione dell’Hokkaido, nell’estremo nord del Paese, ha superato i 100 casi giornalieri per l’ottavo giorno consecutivo. Sotto esame è anche la campagna del governo per incentivare il turismo domestico, che ha creato flussi turistici oltre le aspettative. Malgrado i numeri fin qui più bassi rispetto alle nazioni maggiormente colpiti dalla pandemia, attualmente il Giappone limita la capacità degli impianti sportivi al 50% della capienza; un limite che sarà prorogato fino a febbraio dalla scadenza inizialmente prevista di fine novembre, ha detto il ministro in carica della gestione dell’emergenza sanitaria, Yasutoshi Nishimura, al termine di una riunioni con una commissione di esperti medici. A livello nazionale le positività si assestano a 113.800 contagi, e 1.882 morti accertate.

Spagna – La Catalogna proroga di 10 giorni, fino al prossimo 23 novembre , la chiusura di bar e ristoranti. “Un altro sforzo è imprescindibile, per consolidare il calo”, ha spiegato la responsabile regionale della Sanità,, Alba Vergès, nel comunicare la decisione in conferenza stampa, riferiscono i media spagnoli. La Consigliera catalana ha quindi fatto sapere che nelle prossime settimane sarà presentata una proposta per gestire la ripresa delle attività a partire dal prossimo 23 novembre. Si comincerà con le attività all’aperto, e quindi anche terrazze e spazi aperti per bar e ristoranti.

fonte ansa

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 25-11 allo 08-12-20




Video Zerosette