Published On: Lun, Gen 25th, 2021

Covid, in 24 ore 11.629 nuovi casi e 299 vittime

Share This
Tags

Torna a salire il numero dei posti occupati in terapia intensiva, +14

Sono 11.629 i nuovi casi di Covid in Italia nelle ultime 24 ore, per un totale, dall’inizio dell’emergenza, di 2.466.813. L’incremento delle vittime, invece, è di 299, che porta il numero complessivo ad 85.461. Sono 216.211 i test per il coronavirus (molecolari e antigenici) effettuati in 24 ore. Sabato, secondo i dati del ministero della Salute, erano stati 286.331. Il tasso di positività risale al 5,3% (sabato era al 4,6%).

Torna a salire il numero dei posti occupati in terapia intensiva per il Covid. Sono 2.400 i pazienti ricoverati in rianimazione, 14 in più nel saldo tra entrate e uscite rispetto a ieri. Gli ingressi giornalieri, secondo i dati del ministero della Salute, sono 120. Nei reparti ordinari sono invece ricoverati 21.309 pazienti, in calo di 94 unità rispetto a sabato.

IL PUNTO SUI VACCINI

“Siamo riusciti a compensare un rialzo significativo” di contagi da Covid-19 in Italia, l’Rt è sotto 1, ma nonostante si continui a scendere come percentuale di positivi, “frena la discesa” e i dati di questi giorni mostrano proprio “che siamo in frenata”. Questa l’analisi del matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘Mauro Picone’ del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iac) secondo il quale va fatta anche un’operazione “verità” sui calcoli dei positivi ai tamponi molecolari e rapidi antigenici. Sono solo 10, infatti, ad oggi, sottolinea Sebastiani, le Regioni e Province Autonome che di fatto riportano i valori dei positivi separatamente per i due tipi di test. “È auspicabile che tutte trasmettano i dati in questo modo. Questo rende impossibile al momento il confronto tra tutte le singole regioni-province autonome perchè hanno valori molto diversi della percentuale dei test molecolari da cui dipende il valore della percentuale cumulata fornita dai media”. Guardando lo scenario attuale, secondo l’esperto, “sarebbe necessario a breve prevedere un altro periodo di 10-14 giorni di ‘freddata rossa’ per abbassare l’incidenza. Un’azione simile – spiega il matematico – a quella messa in campo per il periodo delle vacanze di Natale, questo almeno in alcune regioni”. “Occorre ovviamente fare i conti con una serie di fattori che riguardano la società intera ma bisogna capire che lo ‘stop and go’ che di fatto siamo costretti a fare, come anche altri Stati, avviene in ritardo mentre farlo prima costa meno alla fine, anche in termini economici. Dobbiamo evitare di arrivare di nuovo a far riprendere la velocità di contagi considerando anche che con i ritardi della campagna vaccinale l’azione di protezione delle categorie più fragili è molto rallentatata”. Non dimentichiamo che da trenta giorni l’incidenza dei decessi oscilla attorno a un valor medio di 475 decessi al giorno. Un’azione adesso “significa anche consentire di riavvicinarci al controllo con il tracciamento”.

fonte ansa

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Leggi Zerosette online

Edizione dal 24-02 al 09-03-21