Le rivelazioni choc nel nuovo documentario ‘The Me You Can’t See’, dove i principe affronta i ricordi traumatici della sua infanzia

Alcol, droghe per “mascherare” le emozioni, con il trauma della morte di mamma Diana. Ansia e attacchi di panico tra i 28 e i 32 anni. Il principe Harry aveva solo 12 anni quando morì Diana, il 31 agosto del 1997. Nei primi tre episodi della serie ‘The Me You Can’t See’ su Apple Tv, Harry, che ha lasciato il Regno Unito da più di un anno, ha affrontato i ricordi traumatici della sua infanzia, anche il funerale di Lady D, immortalato con il padre, il fratello, lo zio e il nonno dietro al feretro di Diana.

“Quello che ricordo più nitidamente è il rumore degli zoccoli dei cavalli – ha detto il principe, oggi 36 anni, a Oprah Winfrey – Era come se fossi uscito dal mio corpo, come se camminassi facendo quello che ci si aspettava da me. Mostravo un decimo delle emozioni che tutti mostravano: questa era mia madre, non l’avete nemmeno mai incontrata”. La serie si concentra sulla salute mentale e Harry parla del trauma della perdita: “Ero solo mentalmente confuso”.

“Ero disposto a bere, a prendere droghe, ero disposto a provare le cose, a fare le cose che mi facevano sentire meno come mi sentivo in realtà”, ha detto, ammettendo di aver bevuto tanto “perché cercavo di mascherare qualcosa”. Durante il programma Harry è anche tornato a denunciare l’assenza di empatia da parte della famiglia reale, il “totale abbandono”, nei confronti di Meghan, una delle “principali ragioni” dell’addio alla terra britannica. “Certamente ora – ha detto – non sarò mai costretto a tacere”.

fonte Adnkronos

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: