KI RUN collabora con Run to feel better tra podismo, benessere psicofisico e viaggi tra runner appassionati

 

Corri, rilascia endorfine, goditi il benessere. Repeat.

Secondo una recente ricerca di mercato, nell’ultimo anno, la vendita di scarpe da running in Italia è cresciuta dell’80%. Complice la forzata chiusura di palestre e piscine pare proprio che abbiamo riscoperto l’attività all’aria aperta – uno dei pochi svaghi consentiti – e constatato che è davvero un toccasana. Ideale per tenersi in forma, semplice e alla portata di tutti (con un minimo di allenamento), a contatto con la natura, la corsa, anche leggera, apporta benefici tanto alla linea quanto all’umore. KI RUN, progetto dedicato ai runner con community, programmi di allenamento e collegato alle più grandi manifestazioni d’Europa, collabora con l’associazione Run to feel better.Quest’ultima nasce da una sfida, che ha un’origine personale: riappropriarsi della propria vita e della propria salute, dicendo basta ad abitudini sedentarie per ritrovare il peso forma e tanti motivi per sorridere. Michele Stefani, 41enne e fisioterapista da oltre 15 anni a Vigliano Biellese, dopo una vita da sedentario (e di conseguenza “cicciottello”), ha deciso per scommessa di iscriversi alla maratona di New York. Tutto
senza aver mai corso in vita sua e mai fatto sport negli ultimi anni. Con una preparazione di 12 mesi, ha tagliato il traguardo di Central Park in 4′ 30, e con 15 kg in meno. “Non ho più smesso di correre – racconta Michele – questa esperienza mi ha cambiato la vita e ho pensato che fosse qualcosa da condividere. La sedentarietà può portare a seri problemi di salute, oltre che di peso, e ho scoperto che correre è così appassionante che non se ne può più fare a meno”. L’attività della corsa è in grado di stimolare un senso di benessere complessivo, più di altri tipi di sport, per il rilascio in circolo delle endorfine dopo ogni allenamento. Richiede impegno e costanza, ottimi per mettere alla prova la propria forza di volontà, ed è in grado di migliorare anche l’autostima personale, grazie alla soddisfazione dovuta al costante progresso nei risultati. “Ci siamo trovati subito in sintonia con Run to feel better – dice Roberto Narzisi, manager diKI RUN – perché il progetto, come il nostro, parte dall’idea di creare un gruppo, una community, che insieme possa allenarsi e prepararsi ad una gara. Il sostegno di una squadra è fondamentale, specie per chi si approccia alla corsa da principiante”. Una sorta di squadra Primavera di KI RUN insomma, verso cui vengono indirizzati gli aspiranti runner che si rivolgono al progetto di Narzisi. “Mi piace pensare che possiamo essere complementari – conclude Narzisi – ci unisce lo spirito di gruppo che Run to feel better declina in un primo step verso il benessere personale. Il cosiddetto primo miglio, che come tutti i runner sanno è sempre il più arduo. KI RUN si occupa invece del passaggio successivo, legato all’allenamento e al travel”. Il benessere, l’equilibrio, con una parola forte la felicità, sono obiettivi a cui tutti tendiamo: secondo le testimonianze correndo ci andiamo molto vicino. Per avvicinarsi alla filosofia del gruppo ecco il Run to feel better day, che quest’anno – come lo scorso – si corre in maniera individuale: appuntamento il 19 e 20 giugno 2021, con tutte le informazioni sulla pagina Facebook. Ci si può iscrivere e ricevere pettorali e gadget, partire per la propria corsa e poi condividere percorso, tempi e risultati per dare vita ad una classifica virtuale e vivere ugualmente l’emozione della gara anche se a distanza. In attesa di poter tornare a correre tutti insieme.

Per informazioni:

KI RUN

Piazza M. Libertà 3

13900 Biella

www.ki-run.it

info@ki-run.it

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: