I richiami sono per gli over 80 con ciclo vaccinale completo da più di sei mesi e autonomi nella mobilità, circa 29mila persone a livello provinciale: verranno contattate via sms per fissare un appuntamento in uno dei centri vaccinali

Per chi ha più di 80 anni e ha completato da oltre sei mesi il ciclo vaccinale completo, dall’11 ottobre prossimo partono le vaccinazioni di richiamo con la terza dose.

La terza dose di richiamo, infatti, è prevista dopo il completamento del ciclo vaccinale primario e dopo almeno sei mesi dall’ultima dose. Il richiamo così definito è finalizzato a mantenere nel tempo o ripristinare un adeguato livello di risposta immunitaria, in particolare in popolazioni connotate da un alto rischio – la priorità sono i cosiddetti “grandi anziani” – tenendo conto delle evidenze scientifiche e dell’evoluzione dello scenario epidemiologico.

Il richiamo con terza dose è previsto con un vaccino a m-RNA (Comirnatydi BioNTech/Pfizer e Spikevax di Moderna). In questa fase l’invito alla terza somministrazione è rivolto a circa 29mila persone residenti a Parma e provincia, individuate tra gli anziani ultraottantenni già vaccinati con due dosi e in grado di muoversi con autonomia.

“Abbiamo già iniziato a organizzare gli appuntamenti per le prime somministrazioni delle terza dose a partire dall’11 ottobre, invitando un migliaio di persone tramite Sms o anche telefonate dirette in alcuni casi – spiega la commissaria straordinaria dell’Azienda Usl di Parma, Anna Maria Petrini – Nei prossimi giorni prevediamo di procedere con gradualità nelle convocazioni, per completare progressivamente il richiamo vaccinale di questa ampia fascia di popolazione anziana interessata”.

Per gli ultraottantenni con difficoltà motorie che impediscono la deambulazione, le vaccinazioni sono previste a domicilio: verranno programmate non appena definiti gli accordi con i medici di medicina generale. Per gli ospiti e gli operatori di centri residenziali anziani (Cra) e residenze sanitarie anziani (Rsa), il calendario delle sedute vaccinali verrà definito dall’Azienda Usl con il supporto dei medici delle strutture.

Come indicato dalla Regione, la co-somministrazione del vaccino antinfluenzale e del vaccino anti Covid-19 potrà essere presa in considerazione dall’Azienda Usl anche prima della data di inizio della campagna di vaccinazione contro l’influenza stagionale, prevista per il 25 ottobre, in base alle disponibilità di vaccini antinfluenzali.

COME E DOVE

La modalità di accesso alla vaccinazione in questa fase è con chiamata attiva da parte degli operatori dell’Azienda Usl: prevede l’invio di un messaggio Sms dove sarà indicato un numero telefonico da chiamare per fissare l’appuntamento. La terza dose di richiamo del vaccino verrà somministrata in uno dei quattro centri vaccinali operativi tra città e provincia: all’ex centro stampa di Gazzetta di Parma in via Mantova 68 a Parma, all’Ospedale di Vaio in via don Tincati5 a Fidenza, alla Casa della salute in via Roma 42 a Langhirano, al punto vaccinale temporaneo all’Ospedale di Borgo Val di Taro in via Benefattori 12.

COSA PORTARE

Il giorno della vaccinazione occorre portare un documento di identità, il modulo di anamnesi e il consenso informato, entrambi compilati e firmati. Tutti i moduli (anamnesi, consenso informato e delega) sono scaricabili dal sito www.ausl.pr.it in home page, cliccando su “Vaccinazione anti-covid 19 tutte le informazioni utili”, quindi su “Modulistica – Vaccinazione anti-covid 19”.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: