Come raccontato dal postulatore, 10 anni fa in Argentina “c’era una bambina che è stata guarita in circostanze straordinarie da problemi neurologici molto seri, in condizioni praticamente disperate”

La Chiesa avrà presto un altro Papa tra i santi. Si tratta di Giovanni Paolo I, Albino Luciani, il Papa ‘breve’ rimasto sul soglio di Pietro solo 33 giorni, al quale è stato riconosciuto un miracolo avvenuto 10 anni fa in Argentina. Il Papa, informa il Vaticano, durante l’udienza concessa al cardinale Marcello Semeraro, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, ha autorizzato la Congregazione a promulgare i decreti riguardanti il miracolo attribuito all’intercessione del Venerabile Servo di Dio Giovanni Paolo I (Albino Luciani), Sommo Pontefice; nato il 17 ottobre 1912 a Forno di Canale, (oggi Canale d’Agordo, Italia) e morto il 28 settembre 1978 nel Palazzo Apostolico del Vaticano.

Il postulatore della causa di beatificazione di Giovanni Paolo I, il cardinale Beniamino Stella, prefetto emerito della Congregazione per il Clero e originario della Diocesi di Vittorio Veneto, parla del miracolo avvenuto dieci anni fa a Buenos Aires che consentirà al Papa ‘breve’ la beatificazione. “E’ un miracolo avvenuto in Argentina, a Buenos Aires, una decina di anni fa. C’era allora una bambina, – ha raccontato il postulatore ai media vaticani – oggi una ragazza quasi ventenne, che è stata guarita in circostanze straordinarie da problemi neurologici molto seri, in condizioni praticamente disperate”.

“Anche oggi – dice Stella -ho visto dei video che la ritraggono mentre cammina, mentre parla, e si vede una ragazza quasi ventenne che sta bene. Lo dobbiamo alla fede di chi ha pregato attorno a questa persona quando era ammalata. E’ un evento che certamente ha delle caratteristiche straordinarie, perché ci si è dati da fare sul piano medico, ma soprattutto c’è stata una notte, un lungo momento di preghiera, di intercessione, che è ciò che alla fine qualifica un evento di questo genere”.

 

fonte Adnkronos

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: