Rilevata la presenza della scritta Ferrari all’interno del contagiri posizionato sul cruscotto

 

Sequestrata una Ferrari F1 Niki Lauda contraffatta. I funzionari dell’Agenzia delle Accise, delle Dogane e dei Monopoli della Sezione Operativa Territoriale di Ponte Chiasso e i militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso hanno eseguito un controllo su un automezzo diretto verso la Svizzera rinvenendo sul pianale una replica di una Ferrari F1 Niki Lauda, risultata contraffatta.

L’esportatore è stato denunciato per contraffazione, alterazione o uso di segni distintivi di opere dell’ingegno o prodotti industriali, introduzione nello stato e commercio di prodotti con segni falsi e vendita di prodotti industriali con segni mendaci.

L’iniziativa del controllo è stata assunta in quanto la descrizione della merce contenuta nei documenti doganali di scorta del trasporto, ‘modello show car in vetroresina’, ha fatto sorgere il sospetto di possibile violazione della normativa in materia di contraffazione, rinforzato dall’esiguità del valore dichiarato e dalla natura della professione dell’esportatore che, da una prima indagine, risultava principalmente impegnato in attività del settore edile.

E’ stato accertato che il carico era costituito da un simulatore con caratteristiche del tutto similari a quelle di una Ferrari originale e, in particolare, è stata rilevata la presenza della scritta Ferrari all’interno del contagiri posizionato sul cruscotto. La perizia resa a seguito di richiesta di intervento diretta ad accertare l’eventuale utilizzo improprio del diritto di proprietà intellettuale ‘Ferrari’ ha confermato che l’oggetto del fermo non è stato realizzato da Ferrari Spa e che il tachigrafo riproduce, senza autorizzazione, il marchio comunitario figurativo Ferrari caratterizzato dalla F allungata.

RIPRODUZIONE RISERVATA
© COPYRIGHT ADNKRONOS

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: