Domenica 30 gennaio il duo composto da Giovanni Ceccarelli e Ferruccio Spinetti

 

 

Piacenza, 24 gennaio 2022 – Si intitola “More Morricone” l’album tributo di Ferruccio Spinetti e Giovanni Ceccarelli registrato vicino a Parigi nel settembre del 2019, prima della scomparsa del maestro e grande compositore avvenuta nel luglio dell’anno successivo, uscito per l’etichetta francese Bonsai Music e nato grazie a un’idea del produttore discografico Pierre Darmon. Sarà questo l’album che il contrabbassista e il pianista, che si sono ritrovati a suonare insieme dopo diversi anni proprio per questo progetto, presenteranno al Milestone, il locale di musica dal vivo del Piacenza Jazz Club, domenica 30 gennaio alle 18.00.

Per entrare al Milestone è richiesta la tessera associativa (già disponibile quella del 2022) che si può fare anche direttamente sul posto. L’inizio del concerto è alle 18.00 mentre il locale aprirà al pubblico alle 17.15. Non è necessaria la prenotazione, si potrà accedere al locale fino all’esaurimento dei posti disponibili. In adeguamento alle ultime norme sanitarie, all’ingresso sarà verificato il possesso del green pass rafforzato. Per assistere al concerto sarà necessario indossare la mascherina FFP2.

 

Ennio Morricone è un autore che affascina per la sua capacità di comporre delle melodie che, una volta ascoltate, restano per sempre nell’immaginario e nella memoria. Di fronte all’immensità della sua opera, la fase preparatoria più delicata nella realizzazione del progetto è stata la scelta del repertorio, che voleva essere rappresentativa dell’estesissimo spettro musicale del maestro e insieme non doveva limitarsi esclusivamente all’interpretazione delle sue opere più conosciute. La selezione è frutto del lavoro congiunto degli artisti, della produzione e anche di Massimo Cardinaletti, esperto di musiche da film e amico di Morricone. Ceccarelli e Spinetti hanno per l’occasione selezionato sia brani molto conosciuti al grande pubblico – come quelle composte per i film “Nuovo Cinema Paradiso”, “C’era Una Volta in America” e per la serie televisiva “La Piovra”  – sia brani tratti da opere cinematografiche meno note – tra le altre “La tarantola dal ventre Nero” , “Metello”  e “Gli avvoltoi hanno fame”.

La seconda fase del lavoro è consistita nell’arrangiamento del repertorio che è stato attento a presentare le composizioni di Morricone nella loro forma più essenziale. “Quando i temi sono belli come il “Tema d’amore” di Nuovo Cinema Paradiso – sottolinea Spinetti – non c’è bisogno di un’orchestra sinfonica, perché le sole note del tema sono sufficienti a suscitare un’emozione che si può ricreare, io penso, con la formazione pianoforte-contrabbasso”.

I due artisti condividono una profonda empatia musicale, dove nell’equilibrio tra scrittura e improvvisazione emergono un profondo lirismo ed una grande capacità di ascolto reciproco.

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.