Per l’ennesima volta un docente è stato vittima di violenza, questa volta l’atto delinquenziale è avvenuto a Traversetolo in provincia di Parma, dove uno studente ha aggredito una professoressa provocandole danni fisici (guaribili in 7 giorni). Come sempre il silenzio delle istituzioni preposte è evidente e si commenta da solo, almeno per adesso non si registrano iniziative da parte dell’amministrazione scolastica: la Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza sollecita gli organi periferici del Ministero dell’Istruzione, ovvero l’Ufficio Scolastico Regionale dell’Emilia Romagna e la sua articolazione territoriale di Parma e Piacenza, invitandoli a incaricare immediatamente l’Avvocatura dello Stato affinché i genitori dell’aggressore, che dovrebbe essere un minore degli anni 14, vengano chiamati in giudizio a rispondere della gravissima azione del loro “pargolo”. Pretendiamo che venga dato un segnale chiaro a tutta la collettività: i genitori devono essere ritenuti responsabili del comportamento dei loro figli verso gli insegnanti.  Il datore di lavoro, in questo caso Il Ministero dell’Istruzione, troppo spesso lascia i docenti alla mercé di teppisti e mai li tutela dalle offese gratuite e dai comportamenti irriguardosi di certi genitori. Un’inerzia che non avviene quando a sbagliare sono i docenti, in tal caso le azioni legali e disciplinari sono rapidissime e puntuali.

La Gilda degli insegnanti di Parma e Piacenza è a disposizione della collega ferita per fornirle tutta l’assistenza possibile. Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda nelle due province fa notare che già negli anni scorsi minorenni avevano compiuto azioni vandaliche proprio a Traversetolo, in un caso intervennero anche le forze dell’ordine Il contesto è assai difficile, è capitato anche che una coppia di coniugi si sia picchiata davanti alla scuola e che uno dei due si sia rifugiato all’interno della stessa. Atti di bullismo si consumarono anche sullo scuolabus.

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.