Assediata la Capitale

 

Le delegazioni ucraina e russa che stanno partecipando al terzo round dei colloqui in Bielorussia sarebbe nello stesso formato di quelle che hanno partecipato al secondo round dei negoziati. Manca, rispetto al primo round, Denis Kireyev, il negoziatore sulla cui sorte si è aperto un giallo. Dato per morto – ucciso per mano dei servizi di Kiev, in una prima versione dei media ucraini – resta infatti ancora il mistero su Kireyev, in un susseguirsi di indiscrezioni e smentite, alcune delle quali di fonte russa negherebbero la sua uccisione. Nella foto ufficiale dei colloqui in corso, diffusa dal ministero degli Esteri bielorusso, ci sono il consigliere di Zelensky Mykhailo Podolyak, il leader di Servitore del Popolo Davyd Arakhamia, il capo delegazione e ministro della Difesa Oleksii Reznikov e l’ambasciatore presso l’Unione Europea e il Regno Unito Mykola Tochytskyi. Dalle foto dell’incontro, si evince che anche la delegazione russa è la stessa dei precedenti negoziati.
ANSA+++HANDOUT / EDITORIAL USE ONLY / NO SALES+++

 

 

Il terzo giro di colloqui tra le delegazioni russa e ucraina si sono conclusi a Brest, in Bielorussia.

Secondo quanto annunciato su Twitter il consigliere di Zelensky, Mykhailo Podolyak,  ci sono stati ‘piccoli sviluppi positivi nel miglioramento della logistica per i corridoi umanitari’.

Mosca ne ha aperti sei ma ‘solo verso la Russia’ dicono gli ucraini.

La giornata è stata caratterizzata proprio dallo scambio di forti accuse per il fallimento dei corridoi.

 “Intense consultazioni sono proseguite sul blocco politico di base delle regole, oltre che su un cessate il fuoco e sulle garanzie di sicurezza”, ha aggiunto Podolyak.

La Russia si augura che “domani i corridoi umanitari funzionino”,  ha dichiarato al termine dei colloqui il capo negoziatore di Mosca, Vladimir Medinsky, citato dalla Tass.

Un quarto round di colloqui tra Russia e Ucraina si terrà a breve in Bielorussia. Lo annuncia la delegazione di Mosca all’agenzia Tass.

 

 

 

Delegazione ucraina giunta in Bielorussia per i colloqui

 

Le delegazioni ucraina e russa sarebbe nello stesso formato di quelle che hanno partecipato al secondo round dei negoziati. Manca, rispetto al primo round, Denis Kireyev, il negoziatore sulla cui sorte si è aperto un giallo. Dato per morto – ucciso per mano dei servizi di Kiev, in una prima versione dei media ucraini – resta infatti ancora il mistero su Kireyev, in un susseguirsi di indiscrezioni e smentite, alcune delle quali di fonte russa negherebbero la sua uccisione.

Nella foto ufficiale dei colloqui in corso, diffusa dal ministero degli Esteri bielorusso, ci sono il consigliere di Zelensky Mykhailo Podolyak, il leader di Servitore del Popolo Davyd Arakhamia, il capo delegazione e ministro della Difesa Oleksii Reznikov e l’ambasciatore presso l’Unione Europea e il Regno Unito Mykola Tochytskyi. Dalle foto dell’incontro, si evince che anche la delegazione russa è la stessa dei precedenti negoziati.

Intanto Kiev attacca Israele: “Mentre il mondo sanziona la Russia per le sue barbare atrocità in Ucraina – scrive su twitter il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba -, alcuni preferiscono fare soldi intrisi di sangue ucraino. La compagnia aerea El Al sta accettando pagamenti usando il sistema bancario russo “Mir” progettato per eludere le sanzioni. Un fatto immorale e un duro colpo alle relazioni ucraino-israeliane”.

Secondo un video geolocalizzato della Cnn, i carri armati russi stanno prendendo posizione in un’area densamente popolata appena ad ovest di Kiev. La clip di 17 secondi sarebbe stata filmata da un residente in un condominio nel distretto di Irpin, luogo in cui le forze russe hanno sparato verso la capitale, tra ieri e oggi, uccidendo diversi civili. Il video mostra almeno cinque carri armati russi e i loro equipaggi a pochi metri da alti condomini.

Oggi il ministero della Difesa russo ha dichiarato il cessate il fuoco per l’avvio di sei corridoi umanitari in Ucraina. Lo riferisce l’Interfax. “Un cessate il fuoco è stato dichiarato dalle 10 di stamane, ora di Mosca, e sono stati aperti sei corridoi umanitari, di cui uno da Kiev a Gomel (Bielorussia), due da Mariupol a Zaporizhzhya (sud-est Ucraina) e Rostov sul Don (Russia meridionale), uno da Kharkiv a Belgorod (Russia occidentale) e due da Sumy a Belgorod e Poltava (Ucraina centrale)”, ha detto il portavoce del ministero della Difesa Igor Konashenkov.

I civili, sottolineano i media internazionali, vengono dunque portati anche in Russia e Bielorussia, “Paese alleato di Mosca” e per questo vengono rifiutati da Kiev. E criticati anche dall’Eliseo chiamato in causa da Mosca nel comunicato del ministero della Difesa che annuncia i corridoi da Kiev, Mariupol, Kharkiv e Sumy su richiesta del presidente francese Emmanuel Macron. L’Eliseo ha infatti precisato questa mattina che – contrariamente a quanto affermato da Mosca – il presidente Emmanuel Macron non ha “mai chiesto l’apertura di corridoi umanitari verso la Russia”. Ma nel frattempo secondo l’esercito ucraino, la Russia ha iniziato ad “ammassare le proprie risorse per prendere d’assalto Kiev”.

Il capo negoziatore russo ha affermato che fino ad ora nessuno dei corridoi umanitari aperti per fare partire i civili dalle zone di guerra ha funzionato e ha accusato i “nazionalisti” ucraini di averli bloccati. Lo riferisce Interfax. Il capo negoziatore ha detto che Mosca intende continuare a parlare di questo tema oggi in un nuovo incontro con la delegazione ucraina.

ASCOLTA IL PODCAST

 

Più di 200 strutture sanitarie dell’Ucraina si sono trovate lungo le linee di conflitto o in aree di controllo modificate nel corso della prima settimana di conflitto con la Russia. Lo riferisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) nel primo bollettino elaborato per fare il punto sulla situazione sanitaria in Ucraina. L’Oms evidenzia come la possibilità di offrire assistenza ai malati e ai feriti in Ucraina sia diventata molto difficile. In certe aree “si rischia l’interruzione dei servizi sanitari”. Ci sono segnalazioni, “alcune già verificate”, di strutture sanitarie “danneggiate o distrutte”.

“Quanti morti vi servono per mettere in sicurezza i nostri cieli?”. Lo chiede il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, secondo quanto riporta il Kyiv Independent. “Stiamo aspettando questa decisione, o (decidete) con le forze che avete o fornendoci aerei e sistemi anti-aerei che ci diano la forza di farlo”, ha ribadito Zelensky. “Durante la notte la Russia ha colpito Mykolayv, le aree residenziali, usando razzi e artiglieria. Hanno colpito Kharkiv, e i quartieri vicini e hanno colpito anche altre città”, ha detto ancora Zelensky, sottolineando che “questo non ha senso da un punto di vista militare, è semplicemente terrore”.

La delegazione russa è intanto partita alla volta della Bielorussia per il terzo round dei colloqui con la controparte ucraina. Lo riporta Interfax. L’incontro è previsto per le 15 ora di Mosca (le 12 in Italia) nella foresta di Belovezhskaya Pushcha, nella regione di Brest in Bielorussia dove si sono svolti anche i primi due negoziati. “I colloqui sono previsti per le 15 ma l’orario potrebbe essere modificato in relazione a possibili problemi logistici della controparte ucraina”, ha affermato un analista bielorusso vicino al dossier.

Altra importante novità sul fronte della crisi è la disponibilità della Cina a fare da mediatore tra Mosca e Kiev per riportare la pace. Disponibilità avanzata dal ministro degli Esteri di Pechino Wang Yi che sottolinea anche al contempo come l’amicizia tra Mosca e la Cina sia ‘solida come una roccia’. Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov incontrerà per consultazioni il collega ucraino Dmytro Kuleba il 10 marzo in Turchia ad Antalya. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu secondo quanto riporta l’agenzia Anadolu.

E’ salito ad oltre 1,7 milioni il numero di persone fuggite dall’Ucraina dallo scorso 24 febbraio, data dell’invasione russa, Lo ha reso noto l’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr). Dal 24 febbraio al 6 marzo, il numero di rifugiati ha raggiunto un totale di 1.708.436, riferisce l’ultimo aggiornamento pubblicato sul sito dell’Unhcr. Di questi oltre un milione sono giunti in Polonia.

Aumenta intanto il rischio di carenza di cibo, che ha costretto Kiev a sospendere le esportazioni di “carne, segale, avena, grano saraceno, zucchero, miglio e sale”. Allo stesso tempo, l’export di grano, mais, pollame, uova e olio sarà consentito solo con il permesso del ministero dell’Economia.

Immagini atroci, di una guerra contro la libertà e la democrazia. Un’intera famiglia sterminata dall’esercito russo a Irpin, fuori Kiev. Bambini, donne e uomini che provano a fuggire da questa terribile guerra scatenata e portata avanti da Putin, ma che lungo il percorso trovano la morte”. Lo scrive su Fb Luigi Di Maio postando la foto. “Non è la guerra Est contro Ovest, non è la guerra Occidente contro Russia. Qui c’è solo la ferocia del governo russo che viene condannata dall’intera comunità internazionale. A causa di questa crudeltà stanno morendo centinaia di civili. Sono immagini vere, che raccontano dramma, sofferenza, morte”. “E’ impressionante – ha detto poi il ministro su Rai1 – il numero di cittadini russi imprigionati, colpevoli di manifestare contro la guerra: 15mila arrestati perché osavano manifestare”.

Il governo russo ha intanto approvato oggi una lista di “Paesi ostili”, per aver applicato o per essersi uniti a sanzioni contro Mosca nella quale compare anche l’Italia in quanto Paese europeo. Lo riferisce la Tass. La lista comprende infatti tra gli altri gli Usa, i Paesi Ue, la Gran Bretagna, il Giappone, la Corea del Sud, l’Australia, la Nuova Zelanda, la Svizzera oltre che ovviamente la stessa Ucraina. Secondo il decreto, lo Stato, le imprese e i cittadini russi che abbiano debiti nei confronti di creditori stranieri appartenenti a questa lista potranno pagarli in rubli.

Il presidente russo Vladimir Putin “sta raddoppiando” il livello di violenza nell’invasione dell’Ucraina. Lo ha detto il premier britannico Boris Johnson a margine degli incontri a Downing Street col collega canadese, Justin Trudeau, e quello olandese, Mark Rutte. Il primo ministro ha sottolineato che il leader del Cremlino ha scelto la via dell’attacco indiscriminato contro obiettivi civili. Johnson ha però avvertito sul fatto che nel Regno Unito non ci deve essere una “caccia alle streghe” contro i cittadini russi mossa da pregiudizi anti-Mosca.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *