Cresce il mercato delle macchine utensili usate e poi rigenerate, parallelo a quello delle macchine nuove

 

Il Piano governativo “Industria 4.0” del 2017 ha rilanciato la pratica della rigenerazione, o revamping, delle macchine utensili usate, includendola tra gli aventi diritto agli incentivi. E proprio il revamping è stato al centro del convegno di apertura di Mecfor Forum, la nuova fiera della meccanica organizzata da Fiere di Parma e Ceu-Centro Esposizioni Ucimu, che si tiene a Parma dal 24 al 26 maggio 2022. Mecfor, aperto in contemporanea alla fiera dell’automazione industriale SPS Italia, è strutturato con 6 convegni tematici e una parte espositiva di 150 aziende meccaniche e della subfornitura (la produzione per conto terzi).

Dopo l’indirizzo di saluto di Barbara Colombopresidente UCIMU-SISTEMI PER PRODURRE e di Antonio Cellie, ceo di Fiere di Parma, si è passato a una definizione del fenomeno del revamping delle macchine utensili usate.

“E’ un fenomeno che ha preso piede dopo l’avvio del Piano Industria 4.0, ma ha radici antiche ed è praticato in tutto il mondo industrializzato – ha spiegato Enrico Annacondia, Direzione Tecnica Ucimu – Una macchina utensile ha una vita lunga, anche di 20 o 30 anni e quando è obsoleta si cerca di recuperarla, ammodernandola”. Si tratta, dunque, di un mercato parallelo a quello del nuovo, interessante anche perché consente di contenere i costi: accade normalmente che un’azienda che acquista una macchina utensile nuova, restituisce la vecchia, che verrà poi rigenerata e reimmessa nel mercato. Con integrazioni migliorative quali una riduzione dei costi di produzione, un layout più efficiente, un aumento di affidabilità dei sistemi di controllo, la capacità di interconnessione con i dati dell’azienda in cui andrà a operare.

Per avere diritto agli incentivi, e quindi ai crediti di imposta, la macchina utensile rigenerata dovrà sottostare ad alcuni obblighi: prima di tutto la marcatura europea CE; poi la interconnessione ai sistemi informatici della fabbrica; l’integrazione automatizzata con il sistema logistico della fabbrica; l’interfaccia tra uomo e macchina, semplice e intuitivo; la rispondenza ai più recenti parametri di sicurezza, salute e igiene del lavoro; la possibilità di controllo da remoto.

Il revamping non è solo una pratica conveniente, ma aiuta l’economia circolare e la sostenibilità dell’industria pesante. Un mercato importante per l’Italia che già eccelle nella produzione di macchine utensili, che esporta in numerosi Paesi.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.