Lunedì 23 maggio, alle ore 12 davanti all’Istituto IPSIA di Parma, inaugura la seconda mostra fotografica Parma, cambiamo aria!, lungo i cancelli di IPSIA, ITIS, Bertolucci e Giordani. La mostra presenta i volti dei cittadini che hanno partecipato dal 2018 ad oggi alla Campagna di sensibilizzazione sulla qualità dell’aria di Parma, una campagna informativa sull’inquinamento atmosferico in Pianura Padana. Più di 400 parmigiani, originari e d’adozione, hanno partecipato e si sono impegnati in prima persona per raccontare la loro vita in una delle regioni più inquinate d’Europa. Le scuole coinvolte sono nuove e gli studenti hanno partecipato all’allestimento accogliendo sui parapetti queste storie e diventando simbolo di un movimento di partecipazione e consapevolezza.

La mostra si è arricchita e presenta 10 nuove foto stampate con i fondi raccolti online tra i cittadini che sostengono dal basso questo progetto.

Da recentissimi studi emerge che la più alta incidenza di mortalità legata all’esposizione al Pm2,5 si registra nelle città della Pianura Padana, in Polonia e in Repubblica Ceca. Piacenza è la prima città emiliano-romagnola al 25esimo posto, seguita da Ferrara (26), Carpi (33) e Parma (38). Lo studio interpreta i dati suggerendo che se in tutte le città oggetto dello studio venissero rispettate le linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), si potrebbero evitare, rispettivamente, 51mila e 900 morti dovute al Pm2,5 e all’NO2.

 

Locandina#2 mostra_VIA T.jpg

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *