Le parole riferite da vicini, il bimbo era sul selciato

 

I carabinieri davanti alla villetta a schiera di Soliera in provincia di Modena dove un bambino di 13 mesi sarebbe caduto da un’altezza di tre metri mentre era in casa con la baby sitter, Soliera (Mo), 31 maggio 2022.
ANSA /ELISABETTA BARACCHI

 

MODENA, 01 GIU – “Adesso è libero”. Sono le parole che avrebbe pronunciato la babysitter fermata ieri per il tentato omicidio di un bimbo di un anno a Soliera (Modena) quando il piccolo si trovava sul selciato sotto casa, da poco caduto dal secondo piano.

Ora il piccolo è ricoverato all’ospedale Maggiore di Bologna. La frase della donna sarebbe stata riferita da vicini che l’hanno vista immobile, davanti alla finestra, ieri mattina.

    La babysitter ieri è stata interrogata ma, in stato confusionale, non sarebbe stata in grado di ricostruire i fatti con i carabinieri. L’udienza di convalida è stata fissata per venerdì 3 giugno, alle 9, nel carcere modenese di Sant’Anna. La 32enne è in cella da ieri, dopo l’interrogatorio in caserma.
Questa mattina la sua legale, Francesca Neri, l’ha incontrata: “È ancora emotivamente provata, ma mi è sembrata un po’ più tranquilla. Si è anche informata sullo stato di salute del piccolo. Per il resto è sempre molto assente e non ha detto nulla sulla dinamica della caduta”. Non si esclude la possibilità di richiedere una perizia psichiatrica. “Sempre che il pubblico ministero non esprima la volontà di fare un incidente probatorio”, specifica l’avvocata Neri.
Quanto alle condizioni del bimbo, dopo la notte trascorsa in ospedale risultano sempre gravi ma stabili. (ANSA).

     

    RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

    Lascia una Replica

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.