Accordo di massima tra Russia e Ucraina con la mediazione della Turchia su un corridoio per il grano da Odessa

 

 

TOPSHOT – A Ukrainian serviceman gets out of an underground makeshift bunker after a shelling at a field camp near the front line at an undisclosed location in the eastern Ukrainian region of Donbas on June 6, 2022. (Photo by ARIS MESSINIS / AFP)

 

Accordo di massima tra Russia e Ucraina con la mediazione della Turchia su un corridoio per il grano da Odessa.

Borrell intanto denuncia: “Le forze di Mosca hanno distrutto il secondo più grande terminal ucraino per i cereali, a Mykolaiv”.

LO SCHEMA DI INTESA
Uno schema preliminare c’è già: prima lo sminamento del mar Nero da parte dei genieri turchi – un’operazione per cui potrebbe volerci un mese -, poi la scorta della Marina di Ankara ai cargo ancorati nei porti ucraini fino ad acque neutrali, con un centro di coordinamento e monitoraggio a Istanbul. La scommessa di Erdogan per sbloccare la crisi mondiale del grano arriva alla prova dei fatti. L’accordo di massima, limitato per ora a Odessa, sarebbe stato raggiunto da Mosca e Kiev con la mediazione turca, afferma il quotidiano russo Izvetsia, e finirà mercoledì al centro della visita del ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov.

LE NAVI RUSSE NEL MAR NERO
Le navi della flotta russa del Mar Nero si sono ritirate a più di 100 km dalle coste ucraine a causa degli attacchi delle forze di Kiev con missili e droni. Lo dice la Marina ucraina, ripresa dalla Cnn. Nel tentativo di riprendere il controllo delle parti nord-occidentali del Mar Nero, i russi avevano schierato sistemi missilistici costieri nelle regioni della Crimea e di Kherson, spiega la Marina, sottolineando che la minaccia di attacchi missilistici dal mare, comunque, rimane. Mosca intanto comincia a consegnare all’Ucraina i corpi di decine di soldati morti nella difesa dell’acciaieria Azovstal di Mariupol.

SCONTRO SUI LANCIARAZZI A LUNGA GITTATA
Se all’Ucraina venissero consegnati lanciarazzi multipli a lungo raggio, Mosca potrebbe colpire il cuore del potere di Kiev, prendendo di mira infrastrutture strategiche e istituzioni del governo. Dopo che anche il Regno Unito ha annunciato l’invio di missili con una gittata di 80 km, i sistemi lanciarazzi multipli M270 per “colpire in profondità le posizioni russe posizionando le batterie più lontano dal fronte”, che vanno ad aggiungersi agli Himars promessi dagli Usa, la Russia alza il tiro. L’avvertimento è giunto dal capo della commissione Difesa della Duma, la Camera bassa, Andrei Kartapolov, citando tra gli obiettivi possibili l’aeroporto della capitale ucraina e la Verkhovna Rada, la sede del Parlamento.

Convocato ieri alla Farnesina l’ambasciatore russo Razov. ‘Respingiamo le accuse di amoralità di istituzioni e media’, dice il segretario generale degli Esteri Sequi, che ribadisce la condanna italiana dell’ aggressione, e l’urgenza di un’intesa per sbloccare il grano. Ma l’ambasciatore insiste, e attacca la ‘propaganda ostile dei media’ e ‘dichiarazioni inaccettabili di alti funzionari’.

La Russia ha iniziato a consegnare all’Ucraina i corpi di decine di soldati morti nella difesa dell’acciaieria Azovstal di Mariupol. I cadaveri dovranno ora essere identificati attraverso il dna, ha spiegato Maksym Zhorin, ex leader del reggimento Azov ora comandante di un’unità dell’esercito di Kiev. Lo riporta l’Ap sul suo sito.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *