A causa della chiusura di un’altra turbina

 

Gascade, il gestore tedesco dei due punti di arrivo a Lubmin del gasdotto Nord Stream 1, ha annunciato che i rifornimenti di gas attraverso Nordstream sono scesi al 20% a causa della chiusura di un’altra turbina.

Lo riporta la Tass.

Secondo la dichiarazione, 1,28 milioni di metri cubi all’ora, circa il 20% della portata massima di Nord Stream, è stato trasportato attraverso Nord Stream in conformità con le applicazioni.

Continua la corsa del prezzo del gas, mentre si intensificano i timori per i flussi provenienti dalla Russia. I timori di scarsi approvvigionamenti provocano timori in vista dell’inverno. Ad Amsterdam il prezzo vola a 225 euro al megawattora, con un incremento dell’12%. A Londra le quotazioni salgono a 404 penny al Mmbtu (+9%).

Gazprom ha comunicato per la giornata di oggi la consegna di volumi di gas pari a circa 27 milioni di metri cubi, a fronte di consegne giornaliere pari a circa 34 milioni di metri cubi effettuate nei giorni scorsi. Eni si riserva di comunicare eventuali aggiornamenti nel caso in cui vi fossero ulteriori variazioni significative nelle quantità in consegna comunicate da Gazprom. Lo scrive Eni sul sito.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.