Il presidente della Repubblica nel centenario dell’assalto squadrista alla Federazione delle Cooperative

 

In una foto fornita dall’ufficio stampa della Presidenza della Repubblica, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rivolge il suo indirizzo di saluto in occasione della cerimonia commemorativa del centenario dell’assalto fascista alla sede della Federazione delle Cooperative, Ravenna, 28 luglio 2022. Ansa Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica

 

“Ricordiamo oggi, qui a Ravenna, una pagina di violenza, di devastazione e di morte, nel capitolo della nostra storia che avrebbe portato alla perdita della libertà per gli italiani, con l’avvio della stagione buia della dittatura fascista, nell’agonia dell’ordinamento monarchico-liberale”.

Lo ha detto il presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando da Ravenna nel centenario dell’assalto squadrista alla Federazione delle Cooperative.

“La democrazia nasce dalla diffusa coscienza di responsabilità di ciascuno nella difesa delle comuni libertà.

In una foto fornita dall’ufficio stampa della Presidenza della Repubblica, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella rivolge il suo indirizzo di saluto in occasione della cerimonia commemorativa del centenario dell’assalto fascista alla sede della Federazione delle Cooperative, Ravenna, 28 luglio 2022. Ansa Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica

E’ stata una conquista di popolo. A noi tocca rigenerarla ogni giorno, chiamando i più giovani ad essere protagonisti”. “La storia è parte di noi. Di ciascuno di noi. È alle fondamenta della nostra cultura, dei nostri ordinamenti, dei valori in cui ci riconosciamo e che costituiscono l’asse portante della società contemporanea. La libertà di cui godiamo, la democrazia che è stata costruita, l’uguaglianza e la giustizia che la Costituzione ci prescrive di ricercare sono tutte figlie di una storia sofferta e di generazioni che le hanno conquistate con dolore, sacrificio, impegno, consegnandole alla nostra cura affinché possiamo a nostra volta trasmetterne il testimone”. ha aggiunto il capo dello Stato.

 

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nel Palazzo della Provincia, nell’area antistante la targa commemorativa dell’assalto fascista alla sede della Federazione delle Cooperative, Ravenna, 28 luglio 2022.
ANSA/ PAOLO GIANDOTTI – UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE PRESIDENZA REPUBBLICA 

 

“L’attacco alla sede della Federazione delle cooperative di Ravenna intendeva colpire il cuore del movimento di riscatto popolare del territorio, che era giunto a organizzare oltre 15.000 braccianti agricoli. Con esso si intendeva indebolire l’istanza di partecipazione democratica che si affacciava in modo sempre più vigoroso. La libertà dei corpi sociali di un Paese è elemento che contribuisce a sorreggere la vita democratica. Quando le formazioni intermedie vengono compresse, costrette al silenzio, è l’intera impalcatura delle libertà e dei diritti che viene compromessa” ha sottolineato.

“La cooperazione è stata ed è un soggetto della democrazia economica, un vettore di progresso. Una protagonista, insieme ad altri, di quel sistema produttivo e di servizi plurale che ha reso la nostra economia una delle più avanzate al mondo. Il fascismo la costrinse dentro le gabbie di uno Stato oppressivo e totalitario. La Repubblica le ha ridato libertà e respiro. La solidarietà, la centralità della persona, la crescita del lavoro come misura di dignità per ogni donna e ogni uomo, valori che ne sono alla base, alimentano la democrazia e hanno trovato nella Costituzione esplicito riconoscimento. È un’esigenza che va sempre avvertita, anche nelle condizioni inedite di un tempo che registra cambiamenti così veloci” ha anche detto il capo dello Stato

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *