Bianchi, docenti in cattedra. Ma sindacati, mancano 200mila prof

 

 

ROMA, 10 SET – In gran parte d’Italia è la settimana che sta per iniziare quella decisiva per l’avvio del nuovo anno scolastico: il 12 settembre sarà infatti la volta di Abruzzo, Basilicata, Friuli Venezia Giulia, Trentino, Piemonte, Veneto e Lombardia.

Il 13 settembre toccherà rientrare tra i banchi ai ragazzi campani; il 14 settembre a Calabria, Liguria, Marche, Puglia, Sardegna, Umbria e Molise.

Il 15 settembre seguiranno gli studenti di Lazio, Emilia Romagna e Toscana. Ultimi a rientrare in classe quelli di Sicilia e Valle d’Aosta il 19 settembre. Hanno già iniziato le lezioni solo in Alto Adige, il 5 settembre scorso.
Dopo tre anni di pandemia, quest’anno, per la prima volta, si tornera’ a scuola senza mascherine – tranne per il personale scolastico e gli alunni a rischio – senza orari diversificati, senza misure di distanziamento e non è prevista la didattica a distanza (dad): se un alunno si ammalerà di Covid, insomma, rimarra’ a casa come quando si prende una qualunque influenza e non potra’ seguire le lezioni dalla sua camera.
Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in questi giorni ha assicurato che “Allo stato attuale cominceremo un anno scolastico in cui non mancano i docenti”. Ma non la pensano così i sindacati secondo i quali mancano circa 200 mila docenti, 15.000 amministrativi e non sono stati nominati circa 500 dirigenti previsti perfino dall’organico. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.