Torna sabato 18 novembre l’appuntamento con la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare, l’iniziativa promossa dalla Fondazione Banco Alimentare durante la quale si potranno acquistare alimenti non deperibili da donare alle persone in difficoltà, aiutate dalle organizzazioni partner territoriali convenzionate con le 21 sedi Banco Alimentare.

In più di 11.000 supermercati in tutta Italia, oltre 140.000 volontari di Banco Alimentare, riconoscibili dalla pettorina arancione, inviteranno ad acquistare prodotti a lunga conservazione come olio, verdure o legumi in scatola, polpa o passata di pomodoro, tonno o carne in scatola e alimenti per l’infanzia.

Tutti gli alimenti donati saranno poi distribuiti a quasi 7.600 organizzazioni partner territoriali convenzionate con Banco Alimentare (mense per i poveri, case-famiglia, comunità per i minori, centri d’ascolto, unità di strada, etc) che sostengono circa 1.700.000 persone.

Per il territorio della provincia parmense l’iniziativa è stata presentata questa mattina in Municipio dall’assessore alle Politiche Sociali del Comune Ettore Brianti, dalla vicepresidente di Fondazione Cariparma Maria Laura Bianchi e dal vicepresidente di Fondazione Banco Alimentare Emilia Romagna Michele Pedrazzoni.

“La giornata della Colletta Alimentare – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Parma Ettore Brianti – è una iniziativa fondamentale che come Amministrazione Comunale sosteniamo convintamente, in particolare in una situazione economica così delicata come quella attuale che interessa la nostra città e tutto il Paese. Insieme a questo significativo appuntamento è fondamentale sottolineare l’impegno e l’attività quotidiana del Banco Alimentare, che coinvolge oltre alle istituzioni, il prezioso mondo del volontariato, quello delle imprese, delle associazioni e di tante realtà del territorio: un circuito virtuoso di sostegno nei confronti di chi ha più bisogno nel segno di quella solidarietà che caratterizza sempre e da sempre la nostra comunità”.

“Fondazione Cariparma – ha detto la vicepresidente di Fondazione Cariparma Maria Laura Bianchi – opera da oltre 30 anni per lo sviluppo del benessere del territorio parmense, ma non può esserci benessere sociale laddove persiste la povertà alimentare. La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare è quindi un momento di sensibilizzazione e chiamata alla partecipazione davvero importante. Ci auguriamo che l’adesione all’iniziativa sia alta, convinti che un atto semplice e concreto come donare parte della propria spesa a chi è in difficoltà, sia alla portata di tutti ed abbia il potere di arricchire profondamente ognuno di noi”.

“Anche quest’anno – ha dichiarato il vicepresidente della Fondazione Banco Alimentare Emilia Romagna Michele Pedrazzoni – il titolo della Colletta, “Facciamo un gesto concreto insieme”, ci dà un suggerimento particolarmente sfidante e l’occasione di essere protagonisti di un evento che si colloca in un periodo storico importante. C’è una fascia persone e famiglie fragili, generata dalla crisi economica e dall’instabilità mondiale, che chiede di essere sostenuta anche nel bisogno alimentare.

Richiamiamo questo bisogno a noi stessi e soprattutto diamo esempio ai nostri giovani, perché si faccia sempre più strada una cultura della solidarietà verso chi è meno fortunato. In provincia di Parma le organizzazioni convenzionate con il Banco sono attualmente 74 e le persone bisognose raggiunte circa 15.000. Invitiamo davvero tutti a partecipare alla Colletta e a donare una spesa, piccola o grande che sia, in uno dei 117 punti vendita aderenti in provincia. Buona Colletta!”

Nel 2022 la Colletta in Emilia Romagna ha visto l’adesione di 14.200 volontari ed ha portato alla raccolta di 798 tonnellate di prodotti in 1.093 punti vendita. Questi alimenti sono stati distribuiti alle 739 organizzazioni benefiche convenzionate con Banco Alimentare, raggiungendo oltre 125.000 persone in condizioni di bisogno.

Quest’anno in regione sono oltre 1.100 i punti vendita aderenti e 128.000 le persone bisognose che beneficeranno dei prodotti donati durante la Giornata.

Sarà possibile donare la spesa anche online su alcune piattaforme dedicate: per conoscere le varie modalità di acquisto dei prodotti e le insegne aderenti all’iniziativa è possibile consultare il sito www.colletta.bancoalimentare.it.

Per la prima volta Benedetta Parodi è il volto della Colletta Alimentare e commenta così la sua partecipazione: “Ogni anno Banco Alimentare organizza la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare e in questa occasione mi unisco all’invito a compiere un gesto semplice, concreto e alla portata di chiunque. Aderisco da sempre, ma quest’anno sono ancora più felice di aver aiutato gli amici di Banco Alimentare partecipando anche allo spot tv e li ringrazio per avermi coinvolta in questa bellissima iniziativa” – conclude Benedetta Parodi.

“La Colletta Alimentare è un gesto semplice, a testimonianza che la solidarietà e il dono rendono realmente umana la convivenza civile e vincono l’indifferenza, causa vera di tante ingiustizie – afferma Giovanni Bruno, presidente di Fondazione Banco Alimentare Onlus – Facciamo un appello affinché la partecipazione sia tanta e si possa dare insieme un aiuto concreto a chi è in difficoltà”.

La Colletta Alimentare, attraverso la quale la Fondazione Banco Alimentare aderisce alla Giornata Mondiale dei Poveri 2023 indetta da Papa Francesco, è resa possibile grazie alla collaborazione con l’Esercito, l’Aeronautica Militare, l’Associazione Nazionale Alpini, l’Associazione Nazionale Bersaglieri, la Federazione Nazionale Italiana Società di San Vincenzo De Paoli ODV, la Cdo Opere Sociali e il Lions Club International. Per informazioni: Elena Mazza (0542-29805 – 334-6857827).

(Fonte: Comune.parma.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *