I Carabinieri di Parma Oltretorrente, hanno tratto in arresto due gambiani di 25 e 26 anni dimoranti in città perché ritenuti responsabili del reato di rapina impropria.

Alcune banconote, un po’ di spiccioli per un totale di 15 euro. Questa era la somma di denaro che due amici cinquantenni stavano contando mentre camminavano per strada. Non molto, ma sufficiente per trascorrere qualche ora al bar a bere una birra o qualcosa di un po’ più forte. Ma ai due gambiani quel misero gruzzolo ha fatto gola e senza pensarci due volte glieli hanno “scippato” dalle mani e sono fuggiti.

E’ accaduto un paio di giorni fa quando una pattuglia di Parma Oltretorrente, in servizio perlustrativo nei pressi della Stazione ferroviaria, verso le ore 21.30 ha notato in Viale Fratti due extracomunitari correre in direzione di viale Mentana, inseguiti da due uomini italiani.

Alla vista della pattuglia gli inseguitori ormai senza fiato riferivano ai militari che i due extracomunitari che correvano davanti a loro li avevano appena rapinati di 15 euro. I carabinieri, senza perdere tempo, partivano all’inseguimento dei due, che seppure si erano avvantaggiati di qualche centinaia di metri, venivano bloccati all’altezza del parcheggio del “DUC” e condotti in caserma.

Le vittime nel formalizzare l’atto di querela, precisavano che verso le 21.30, mentre a piedi percorrevano la via Trento, si erano messe a contare del denaro che avevano racimolato frugando nelle tasche ed a quel punto il gambiano 26enne si avvicinava e glielo strappava dalle mani, strattonando l’uomo che cercava di fermarlo. Nello stesso momento il 25enne, per dare manforte all’amico, spaccava una bottiglia di birra a terra ed impugnando il collo come fosse un coltello minacciava le due vittime prima di darsi alla fuga. I querelanti riferivano che la somma rapinata ammontava a 15 euro, descrivendone con precisione la composizione.

Sottoposti a perquisizione, dalle tasche di uno dei due fermati, sono saltate fuori monete, monetine e banconote, così come descritte nel numero e nella tipologia dai denuncianti. In totale 15 euro, che venivano restituiti al legittimo proprietario.

I due gambiani, gravati da numerosi precedenti in materia di stupefacenti, armi e reati contro il patrimonio, ritenuti responsabili del reato di rapina impropria, al termine delle formalità burocratiche, su disposizione del Magistrato di Turno sono stati condotti presso il carcere di Parma a disposizione dell’A.G.

(Fonte: Gazzettadellemilia.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *