Dal 23 al 27 maggio 2024 a Parma si svolgerà la rassegna internazionale realizzata dalla Società dei Concerti di Parma nel 184° anniversario della morte di Niccolò Paganini, leggendario violinista, ma anche amante delle sei corde, sepolto a Parma.

Cinquanta eventi in cinque giorni: concerti, conferenze, masterclass, mostre di liuteria, un convegno di didattica, un concorso internazionale, uno per giovani talenti, il Paganini Day e tre nuovi format: Capricci di parole-Salotto Paganini, Suono Giovane e Passeggiata tra le corde.

Oltre trecento i protagonisti: stelle del concertismo (tra cui Berta Rojas, Gabriel Bianco, Adriano Del Sal, Duo Melis, Petra Polackova, Tilman Hoppstock, Duo Ramelli-Savigni), il compositore in residenza Giacomo Susani, liutai da tutta Europa, brillanti esordienti e i giovanissimi chitarristi della Youth Paganini Orchestra diretta da Vito Nicola Paradiso.

“Di tanti palpiti. Omaggio all’Italia” è il titolo del 24° Paganini Guitar Festival che si svolgerà a Parma dal 23 al 27 maggio 2024, presentato stamattina in Municipio da Lorenzo Lavagetto, Vice Sindaco e Assessore alla Cultura del Comune di Parma, Davide Battistini, Presidente della Società dei Concerti di Parma APS, e Giampaolo Bandini, Direttore artistico della Società dei Concerti di Parma APS.

Il Paganini Guitar Festival è una rassegna internazionale dedicata a Niccolò Paganini (Genova, 27 ottobre 1782 – Nizza 27 maggio 1840), leggendario violinista ma anche amante della chitarra, sepolto a Parma. Viene realizzato dalla Società dei Concerti di Parma, storica istituzione musicale presieduta da Davide Battistini, con la direzione artistica di Giampaolo Bandini e in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Parma-Casa della Musica.

“Questo festival è capace di aprire delle frontiere di approccio straordinarie, proponendo una ricca serie di iniziative che uniscono due universi: da un lato ruota intorno alla doverosa celebrazione della figura di Paganini, dall’altro esalta il fascino della chitarra” ha sintetizzato il Vice Sindaco.

La 24^ edizione proporrà circa cinquanta eventi raggruppati in cinque giorni: concerti, concerti sensoriali, conferenze, masterclass, mostre di liuteria, un convegno di didattica, un concorso internazionale, uno per giovani talenti, l’atteso Paganini Day e tre nuovi format: Capricci di parole-Salotto Paganini, Suono Giovane e Passeggiata tra le corde. Oltre trecento i protagonisti: stelle del concertismo mondiale (tra cui Berta Rojas, Gabriel Bianco, Adriano Del Sal, Duo Melis, Petra Polackova, Tilman Hoppstock, Duo Ramelli-Savigni), il compositore in residenza Giacomo Susani, importanti liutai da tutta Europa, molti brillanti esordienti e i giovanissimi chitarristi della Youth Paganini Orchestra diretta da Vito Nicola Paradiso.

Gli eventi sono distribuiti in dodici prestigiose sedi: Teatro Regio, Casa della Musica, Casa del Suono, Auditorium del Carmine, Conservatorio “Arrigo Boito”, Chiesa di San Rocco, Chiesa di San Vitale, Chiesa di San Francesco del Prato, Cimitero Monumentale della Villetta, Laboratorio aperto-Complesso di San Paolo, Circolo di lettura e conversazione, con le due Anteprime di inizio maggio ospitate presso il Complesso Monumentale della Pilotta.

“Per il Paganini day Parma si vestirà nel nome di Paganini” ha sottolineato Davide Battistini “celebriamo questo patrimonio della città con un festival autorevole da 24 anni, mentre la Società dei Concerti è attività a Parma addirittura da 130”.

“Saranno 5 giorni di grandi concerti ed ospiti internazionali con la città, in ben 10 location, invasa da chitarristi e da buona musica in eventi in gran parte ad ingresso libero” ha detto il Direttore Giampaolo Bandini.

I CONCERTI

  • Giovedì 23 maggio ore 20, all’Auditorium del Carmine si terrà il concerto inaugurale Obsequio a el maestro, con I Musici di Parma diretti da Giampaolo Bandini. Solisti alla chitarra: Gabriele Bianco, Adriano Del Sal, il Duo Melis e Ysé Dastugue, vincitore del Premio Paganini 2023. In linea con il filo conduttore della rassegna, il programma renderà omaggio a quattro grandi compositori italiani: Niccolò Paganini, Giacomo Puccini, Ildebrando Pizzetti e Mario Castelnuovo-Tedesco.

  • Venerdì 24 maggio ore 20, nella Sala Concerti della Casa della Musica, il récital con Tilman Hoppstock (musiche di Paganini, Froberger, Sanz, Tarrega e Brouwer) e, nella seconda parte, il Duo Melis (musiche di Scarlatti, De Falla, De l’Hoyer, Bogdanovic). Alle 22.30 alla Casa del Suono torna l’attesa serie dei “Concerti sensoriali” realizzati in collaborazione con l’Associazione dei Ciechi e degli Ipovedenti di Parma. Il primo “Concerto sin luz” è con Giacomo Susani, chitarrista e compositore in residenza del festival (musiche di Frescobaldi, Ravel, Susani).

  • Sabato 25 maggio ore 20 alla Casa della Musica il concerto con la chitarra romantica di Petra Polackova (musiche di Da Milano, Dowland, De Narvaez, Schubert) e, nella seconda parte, con Gabriel Bianco (musiche di Giuliani e Ponce). Alle 22.30 alla Casa del Suono, il secondo “Concierto sin luz”, questa volta con il Duo Renda-Trucco, vincitore del Concorso Paganini 2022 (musiche di Gaslini, Company, Corghi, Taccani, Rossini).

  • Domenica 26 maggio alle 15.30 nella Chiesa di San Francesco del Prato, il concerto della “Paganini Youth Orchestra” con cento studenti provenienti da Scuole Medie, Licei Musicali e Conservatori di tutta Italia, diretta da Vito Nicola Paradiso, con due giovanissimi solisti: alla chitarra Nicolò Bertano e il 13enne violinista Giuseppe Meli (musiche di Verdi, Paganini, Paradiso). Nel pomeriggio, alle ore 17.30 al Teatro Regio il concerto della virtuosa paraguaiana Berta Rojas con musiche di Barrios Mangoré, considerato il Paganini della chitarra, che conclude la “Stagione Concertistica del Teatro Regio” realizzata dalla Società dei Concerti di Parma.

  • Lunedì 27 maggio, per il “Paganini Day”, alle 11.30 nella Cappella degli Artisti al Cimitero Monumentale della Villetta ci sarà il concerto “in memoriam” con le chitarre romantiche del Duo Ramelli-Savigni (musiche di Paganini, Brahms, Schumann, prima assoluta di Susani), e alle 19 nella Chiesa di San Vitale il concerto di chiusura del festival, con le chitarre romantiche del Duo Maccari-Pugliese (musiche di Paganini, Giuliani, Rossini).

Informazioni dettagliate sui concerti: https://www.paganinifestival.com/festival-concert/

(Fonte: Comune.parma.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *