Ragazzo ammazzato di botte. Confermata l’assoluzione al padre accusato

Riduzione di pena, nell’ambito del processo di secondo grado, per gli imputati nel processo per la morte di Emanuele Morganti, il ventenne di Tecchiena, deceduto dopo un pestaggio ad Alatri, in provincia di Frosinone. I giudici della Corte d’Assise di appello di Roma hanno fissato a 14 anni la condanna per Michel Fortuna, Paolo Palmisani e Mario Castagnacci condannati in primo grado a 16 anni.

Per loro resta l’accusa di omicidio preterintenzionale: i giudici non hanno accolto la richiesta del pg che aveva ipotizzato l’omicidio volontario. I magistrati hanno, inoltre, confermato l’assoluzione per Franco Castagnacci, padre di Mario.

fonte ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: