Una sezione web con sette videoracconti e una roadmap, online e cartacea, con cinque suggestivi itinerari, da percorrere a piedi o in bicicletta, che toccano 44 luoghi rinascimentali, tra noti e meno conosciuti, della città e dei suoi dintorni (https://www.ferrarainfo.com/it/rinascimento/) Sono gli strumenti contemporanei che accompagnano il turista alla scoperta dell’anima rinascimentale di Ferrara, frutto del progetto “FEEL THE HISTORY, Ferrara Capitale del Rinascimento” voluto dal Comune di Ferrara e finanziato da Visit Romagna in collaborazione con Apt Servizi Emilia-Romagna – Un viaggio tra le bellezze della città che ancora oggi si nutre dei fasti di 500 anni fa, attraverso preziose opere, pregiati palazzi, antiche strade e tradizioni di un’epoca tra le più floride e magnifiche del passato (www.ferrarainfo.com/it/rinascimento/)

Un tuffo nel Rinascimento, un viaggio nel cuore di una città che vive, oggi come allora, i fasti della Corte estense,attraverso una sezione web con le eleganti immagini disette video, una roadmap (online, ma anche cartacea)con cinque suggestivi itinerari da percorrere a piedi o in bicicletta e tre focus di approfondimento(www.ferrarainfo.com/it/rinascimento/).

“FEEL THE HISTORY, Ferrara Capitale del Rinascimento” è il progetto sviluppato da APT Servizi Emilia Romagna, in stretta collaborazione con l’Assessorato al Turismo del Comune di Ferrara e Visit Romagna (nell’ambito dei Progetti di Promozione Turistica Locale PTPL 2020), finanziato dalla Regione Emilia Romagna, che mira a diffondere la magnificenza racchiusa nel rinascimento ferrarese, erispondere con una proposta innovativa al desiderio di vacanza di Italiani e stranieri.

Ferrara è una destinazione dove tradizione e storia si mescolano e questa nuova proposta turistica è stata studiata per vivere una vacanza di pura bellezza, nella città che fu la culla di un periodo storico tra i più floridi del passato.

Il progetto, sviluppato in italiano e in inglese, parte dalle eleganti immagini di sette video racconti che narrano comeFerrara viva, oggi come allora, le atmosfere dei Duca d’Este, grazie ai monumenti rimasti intatti nel tempo e alla forte tradizione rinascimentale che ancora si può assaporare a tavola e nelle atmosfere delle feste storiche.

Gli stessi luoghi sono raccolti in cinque itinerari che si snodano per la città e le sue campagne, grazie a una cartoguida, scaricabile online e anche cartacea, che tocca44 luoghi rinascimentali. Si parte dal Castello estense nel centro di Ferrara, diventato Patrimonio mondiale Unesco dell’Umanità nel 1995, verso l’Addizione Erculea con i suoi magnifici palazzi i giardini e le piazze; dalle atmosfere del Ghetto ebraico dove indagare il fecondo dialogo culturale degli ebrei nel periodo rinascimentale si arriva al MEIS, il Museo sulla Shoa. Ecco poi i mirabili affreschi del Salone dei Mesi a Palazzo Schifanoia, per poi andare alla scoperta dei sontuosi palazzi cittadini; si esce dal centro per raggiungere le Delizie costruite dai duchi d’Este intorno alla città, oggi riconosciute dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.

E poi tre focus di approfondimento: sui fasti de Palio di Ferrara, che ancora oggi come nel 1471 si celebra perl’investitura ducale di Borso d’Este; sulla cucina rinascimentale arrivata ai giorni nostri grazie agli scritti di Cristoforo da Messisbugo, chef della corte Estense (sono evidenziati 5 piatti: i Cappellacci di Zucca, la Coppia e il Pasticcio Ferrarese, la Salama da Sugo e il Panpepato);sugli originali effetti cromatici della ceramica graffita, arte che si sviluppò presso la Corte Estense e che ancora oggi si può trovare nelle botteghe artigiane.

Video, mappa e tutti gli approfondimenti sono disponibili in un’apposita sezione all’interno del sito del Comune di Ferrara al link https://www.ferrarainfo.com/it/rinascimento/ La Sezione conta di una struttura ottimizzata per mobile, composta da una homepage a cui sono collegate 5 pagine itinerario fornite di mappe google geolocalizzate e 3 pagine di contenuti.

Il progetto sarà promosso con una campagna di web marketing attraverso gli account social della regione Emilia-Romagna, settore turismo fB, Instagram, YouTube e unacampagna Google Ads per posizionamento della sezione Ferrara Rinascimentale del sito FerraraInfo sul motore di ricerca Google.

La roadmap con 5 itinerari, 44 luoghi rinascimentali e 3 focus

La cartoguida degli itinerari è stata anche stampata in 7.000 copie in due distinte edizioni, in lingua italiana inglese ed è disponibile negli IAT della città. La scelta dell’Agenzia Expansion Group che l’ha realizzata, è stata quella dirappresentare il Rinascimento ferrarese attraverso la produzione d’illustrazioni originali, una per ogni itinerario, monumento e focus oltre a una rappresentazione in bianco e nero di ogni palazzo e monumento.

I 5 itinerari sono: Ferrara Città ideale (il piano urbanistico di Biagio Rossetti), “A corte con gli Estensi (dal Castello ai Palazzi), “Attraverso la Ferrara ebraica (visita al Ghetto ebraico e al Meis), “Le meraviglie della pittura estense (dal neo restaurato ciclo di affreschi del Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia alla quadreria della Pinacoteca Nazionale), “Il Paesaggio delle Delizie” (dalle Dimore patrizie entro le mura alle magioni sul territorio).

I tre focus si occupano di: “Trionfi e Tornei (le rievocazioni storiche: il palio, il carnevale, ecc.), “La Ceramica amata dagli Este (l’artigianato artistico), “A tavola con Messibugo” (la tradizione gastronomica di orgine rinascimentale).

I video racconti degli itinerari Ferrara feel the history

L’Agenzia ferrarese Le immagini ha realizzato 7 videoracconti, della durata di un minuto, che anticipano la bellezza dei luoghi toccati dagli itinerari. Dal Castello estense, con i suoi abitanti illustri e le vicende che si sono svolte tra le sue mura, alla città progettata da Biagio Rossetti e realizzata da Ercole I; dalle scene dipinte sulle pareti dal Salone dei Mesi di Palazzo Schifanoia alle festerinascimentali; dalla città ebraica, con il ghetto, il cimitero alla nuovissima struttura del MEIS; dalla gastronomia, con le specialità che si possono assaggiare in città e che risalgono alla tradizione di Cristoforo da Messisbugo alle ceramiche tipiche del Rinascimento, fino alle Delizie estensi e al loro paesaggio culturale che ha donato un’impronta indelebile al territorio.

I video si possono scaricare dal link: https://we.tl/t-S25q2Lw8CK

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: