Serie speciale 3 esemplari con coda da barca. Prezzo 28 milioni

Ancora una Rolls-Royce super-esclusiva che stupisce non solo per l’originalità dell’allestimento one-off ma anche per il prezzo stratosferico.
La ‘Boat Tail’ (cioè coda da barca) nasce su precisa commissione di un cliente rimasto evidentemente anonimo e, parafrasando la ben nota sigla Vip, potrebbe essere definita come Vep, cioè very expensive pic-nic, visto il bonifico di 28 milioni di dollari richiesto dalla Casa di Goodwood per cedere questo gioiello, anzi i tre esemplari in cui verrà repll.

Rolls-Royce Boat Tail, interventi anche sui dettagli per un allestimento perfetto
Vep perché, anche se può sembrare davvero bizzarro, la Rolls-Royce Boat Tail è una trasformazione della convertibile Dawn in auto da campeggio, o meglio da usare per spuntini a base di caviale e champagne en-plen-air. Una realizzazione maniacale, che si estesa dal rifacimento della carrozzeria sulla base delle richieste del cliente, fino all’intervento sui più piccoli dettagli come l’orologio (impossibile sapere il costo all’interno del budget milionario) che è stato personalizzato dalla celebre casa Bovet 1822, con tanto di riproduzione in legno della coda da barca e della statuetta Spirit of Ectasys. ” “Siamo orgogliosi di svelare al mondo questa Rolls-Royce Boat Tail e con essa la conferma delle attività Coachbuild come un elemento fisso all’interno del nostro portafoglio futuro – ha commentato Torsten Müller-Ötvös, Ceo di Rolls-Royce – ma anche come un ritorno alle radici stesse del nostro marchio.
Rappresenta un’opportunità per pochi eletti di partecipare alla creazione di auto assolutamente uniche e veramente personali con un futuro valore storico. Boat Tail è il culmine di una collaborazione durata quattro anni con tre dei nostri clienti più speciali, coinvolti intimamente e personalmente in ogni fase del processo creativo e ingegneristico”.
All’interno di questo gruppo di potenziali ‘mecenatiì’ (vengono definiti così dll not dell’azienda) è emerso un profondo apprezzamento per il design nautico contemporaneo e gli yacht della classe J sono stati spesso citati come punti di ispirazione. E quando è stata proposta l’idea di questa direzione progettuale ed è stata decisa la costruzione 100% artigianale della Boat Tail, i tre clienti sono stati inequivocabili nella loro approvazione esprimendo un’unica richiesta, quella che l’auto avrebbe dovuto mostrare “qualcosa di mai visto prima”.
Tra i committenti della Boat Tail è stato così raggiunto un accordo in base al quale i tre esemplari avrebbero condiviso una carrozzeria comune, ma ognuna sarebbe stata personalizzata individualmente, per riflettere la confluenza tra ambizione del marchio e aspirazioni di ciascuno dei committenti.

 

fonte Ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: