Autorità difendono la decisione, ma sui social esplode rabbia

E’ polemica in Arabia Saudita per la decisione delle autorità di abbassare il volume degli altoparlanti delle moschee che chiamano i fedeli musulmani alla preghiera. Lo riporta la Bbc.

La settimana scorsa, il ministero saudita per gli affari islamici ha imposto il limite a un terzo del volume massimo dopo, ha spiegato, una serie di lamentela da parte della popolazione, soprattutto genitori secondo i quali gli altoparlanti disturbano il sonno dei loro figli. Ma la misura ha scatenato una reazione sui social media dove è diventato in poche ore di tendenza un hashtag che chiedeva di abbassare la musica in ristoranti e caffè.

Un hashtag che chiedeva di vietare la musica ad alto volume in ristoranti e caffè ha iniziato a fare tendenza.

Il ministro Abdullatif al-Sheikh ha risposto alle polemiche in un videomessaggio trasmesso dalla tv di stato sottolineando che i fedeli che vogliono pregare non devono aspettare la chiamata dell’Imam accusando chi ha protestato sulla rete di essere “nemici del regno” accusandoli di voler “scuotere l’opinione pubblica”.

 

fonte Ansa

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: