FESTA DEL RACCONTO: ottimo il bilancio delle cinque giornate
Bazzocchi: un laboratorio di pensiero e di creatività nazionale.
Il Sindaco Bellelli: La cultura è propulsore dell’economia. La Festa del Racconto, così rinnovata e ripensata, ha tutto il potenziale per crescere e attestarsi tra gli eventi capaci di attrarre pubblico anche da altre regioni.
Carpi, 21 giugno 2021 – Si è chiusa ieri, con un bilancio tutto positivo, la sedicesima edizione della Festa del Racconto che quest’anno si è totalmente rinnovata: nuovo look nella comunicazione, un nuovo Direttore Scientifico, Marco Antonio Bazzocchi, ma soprattutto una rinnovata identità. La festa ha scelto infatti di ‘tornare alle origini, per guardare con slancio al futuro.

“Non un festival di presentazioni di ultime uscite editoriali, formula ormai inflazionata nel nostro Paese  – ha spiegato da subito Marco Antonio Bazzocchi – ma la riscoperta di una forma artistica, quella del racconto, che in queste terre ha avuto esponenti illustri. Un patrimonio che il pubblico ha potuto scoprire, o riscoprire, attraverso tanti ospiti che ci hanno aiutato ad analizzare e ad appassionarci di questo linguaggio così moderno. La città di Carpi ci ha accolti e accuditi, restituendoci il piacere dell’incontro e del confronto con il pubblico. Sono certo che si possa fare di questo evento un laboratorio di pensiero e di creatività nazionale”.

Autori, docenti, attori, musicisti si sono succeduti in cinque giornate nelle piazze, nei cortili e nei giardini di Carpi e dei Comuni di Novi, Soliera e Campogalliano e la risposta del pubblico non si è fatta attendere: sono state oltre 4mila le presenze complessive alla manifestazione, con molti appuntamenti sold out. Un pubblico festoso ma rispettoso delle regole che, nonostante le temperature del primo week end estivo, ha animato gli eventi e manifestato il piacere e la bellezza di poter tornare a ritrovarsi per appuntamenti ‘live’.

“È stato emozionante tornare a godere degli spettacoli dal vivo e rivedere finalmente le nostre piazze piene – è il commento del Sindaco di Carpi, Alberto Bellelli – Questo significa non solo riappropriarci di tante delle cose che ci sono mancate in questo anno di pandemia, ma anche dare slancio alla ripresa economica. Dietro ogni evento culturale ci sono infatti artisti, maestranze e organizzatori che possono tornare a lavorare; ancora, dietro ogni evento culturale c’è un potenziale indotto per il territorio. Credo che la Festa del Racconto, così rinnovata e ripensata, abbia tutto il potenziale per crescere e attestarsi tra gli eventi capaci di attrarre pubblico anche da altre regioni. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato, gli artisti e il pubblico, il Direttore Scientifico, i giornalisti che ci hanno aiutato a comunicarla e tutti coloro che hanno lavorato alla buona riuscita dell’evento. L’appuntamento è certamente al 2022”.

Ottimi i riscontri che Festa ha ottenuto sui media, locali e nazionali, e sui social che hanno visto una grande partecipazione anche da parte del pubblico che ha postato e condiviso foto e pensieri. Da oggi sui canali ufficiali, saranno disponibili gli album, per rivivere le emozioni di queste cinque giornate.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: