Decreto sostegni Bis anche da Parma

si leva alta la protesta dei docenti, domani su You Tube

 

La Gilda degli Insegnanti rileva che il cosiddetto “decreto sostegni bis” non soddisfa per nulla i bisogni della scuola. La conversione in legge del testo è prevista nei prossimi giorni, esso non prevede misure soddisfacenti per migliorare la situazione scolastica: l’anno prossimo avremo ancora “classi pollaio”, sfruttamento lavorativo, docenti malpagati e cattedre assegnate in ritardo a causa degli enormi vuoti di organico. Abbiamo bisogno di interventi concreti che restituiscano anche dignità agli insegnanti, a partire da uno stipendio decoroso. Ciò avviene mentre la politica locale, tutta o quasi, oltre a quanto già noto accetta anche l’amputazione di un settore importante del sistema scolastico territoriale, a Parma sono state soppresse ben 20 cattedre, provocando la soppressione dei corsi serali. Una scelta della politica che punisce ingiustificatamente la nostra realtà riducendo il diritto allo studio per una fascia già fragile di popolazione. Dichiara Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli insegnanti di Parma e Piacenza: “La politica Parmense non è nemmeno in grado di chiarire quali sono i criteri di assegnazione dei dirigenti scolastici alle scuole del territorio, delegando tutto a dei tecnici di cui poco o nulla si sa”.

La Gilda degli Insegnanti invita colleghi e cittadini tutti a seguirci su You Tube mercoledì 9 giugnodalle 17 alle 18,30 (diretta streaming sul canale YouTube della Federazione Gilda-Unams al link https://youtu.be/s6elqUs8TzA.).

 

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: