Sì alla terza dose di vaccino anti-Covid quando serve, ma valutare anche l’arma degli anticorpi monoclonali perché funzionano. Torna a ribadire la necessità di un approccio integrato Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Istituto nazionale di malattie infettive Spallanzani di Roma, intervistato a ‘Radio anch’io’ su Rai Radio 1.

“In questo momento – ha spiegato – noi dobbiamo vaccinare il più possibile la popolazione candidabile al vaccino, perché abbiamo dati ormai inoppugnabili sulla sua efficacia. Quindi oggi l’obiettivo è completare il ciclo vaccinale e arrivare per lo meno all’85-90%” di copertura. Quanto alla terza dose, certamente “è una possibilità” per potenziare la risposta immunitaria” nel momento in cui si è ridotta, ha confermato l’esperto. “Ma poi – ha aggiunto – c’è un altro dato da considerare: se io sono un immunodepresso”, e in quanto tale con il vaccino “non ho sviluppato anticorpi, la terza dose è sicuro che me li farà sviluppare? Alcuni studi dicono fino al 50%”. Ma “se io ho ancora un’altra arma, che sono gli anticorpi monoclonali che hanno già dimostrato di funzionare e che danno direttamente un’immunità passiva, io dico perché no?”.

Secondo Vaia, “questa pandemia sconta battaglie politiche ed economiche. Vedo ancora troppa gente che ideologizza il vaccino e la campagna vaccinale ed è un errore”, ha avvertito. “Noi dobbiamo evitare i totem – ha evidenziato in risposta a chi obietta che anche i vaccinati si possono contagiare – Il vaccino non è un atto taumaturgico, una pozione magica per cui tu ti trasformi in Highlander. Già quando sono stati approvati sapevamo che c’è una percentuale, pur molto ridotta, pari al 7-8-10%, di non efficacia”. E poi, anche in un contesto in cui la variante Delta di Sars-CoV-2 è diventata prevalente, “dipende molto dalla persona alla quale inoculo il vaccino: se è immunodepressa, se ha altre comorbidità, da quanto tempo ha fatto il vaccino, se ha bisogno di un richiamo o di un potenziamento con gli anticorpi. Insomma, dobbiamo fare un ragionamento”.

“Un’altra cosa che” per il direttore dello Spallanzani “dobbiamo dire con estrema chiarezza, è che ci sono fior di studi che dimostrano che la vaccinazione eterologa funziona benissimo”, ha assicurato sempre rispondendo ai dubbi degli ascoltatori.

fonte Adnkronos

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: