Greta: ‘E’ stato un ‘bla, bla, bla”. Guterres: ‘Accordo è compromesso, pieno di contraddizioni’

 

Alla fine alla Cop26 di Glasgow è stato raggiunto l’accordo. Un po’ annacquato sul carbone e i sussidi alle fonti fossili, per venire incontro alle richieste di India e Cina. Ma alla fine, il documento finale è stato approvato. Con questo, i paesi firmatari dell’Accordo di Parigi (cioè tutti i quasi 200 paesi del mondo) si impegnano a tenere il riscaldamento globale sotto 1 grado e mezzo dai livelli pre-industriali. Un passo avanti rispetto al target principale dei 2 gradi dell’Accordo di Parigi. Il documento finale fissa l’obiettivo minimo di decarbonizzazione dei paesi al 2030: un taglio del 45% delle emissioni di CO2 rispetto al 2010. E prevede poi di arrivare a zero emissioni nette intorno alla metà del secolo. Il documento chiede agli stati di aggiornare i loro impegni di decarbonizzazione (Ndc) entro il 2022.

Le tre bozze iniziali del documento prevedevano un invito ai paesi ad eliminare al più presto le centrali a carbone e i sussidi alle fonti fossili. Ma su questo punto, nella plenaria del pomeriggio si sono impuntate Cina e India. “Non è compito dell’Onu dare prescrizioni sulle fonti energetiche – ha detto il ministro dell’Ambiente indiano, Bhupender Yadav -. I paesi in via di sviluppo come l’India vogliono avere la loro equa quota di carbon budget e vogliono continuare il loro uso responsabile dei combustibili fossili”. Anche la Cina ha sostenuto la posizione indiana, e alla fine il presidente britannico Alok Sharma ha dovuto cedere.

“La storia è stata fatta qui a Glasgow”, ha dettoSharma, con la voce rotta dal magone, alla plenaria a Glasgow. In precedenza, Sharma aveva trattenuto le lacrime quando aveva detto, accettando l’emendamento sul carbone di Cina e India, “capisco la delusione, ma è vitale proteggere questo pacchetto”.

“Glasgow è un programma che ci indica cosa dobbiamo fare. Credeteci o meno ma è la prima volta che si nomina il carbone. Siamo più vicini che mai a evitare il caos climatico”: questo è “l’inizio di qualcosa. Abbiamo sempre saputo che Glasgow non non era il traguardo”, ha detto l’inviato americano per il clima, John Kerry.

Boris Johnson saluta l’accordo all’unanimità fra 197 Stati, strappato fra non pochi compromessi, che ha chiuso la conferenza sul clima CoP26 a presidenza britannica di Glasgow come “un grande passo in avanti” in grado di di tenere in vita l’obiettivo di limitare il surriscaldamento terrestre entro il tetto di 1,5 gradi in più dell’era pre industriale. Il premier britannico ammette che resta ancora “un enorme lavoro da fare nei prossimi anni”, ma nota come si tratti del primo accordo a sancire un impegno verso “la riduzione” del carbone. E rende omaggio “all’incredibile” sforzo del suo ministro Alok Sharma, presidente della CoP26.

La Cop26 è stato un “bla,bla,bla”. Così Greta Thunberg, dopo la votazione finale alla conferenza di Glasgow. “Il vero lavoro continua fuori da queste stanze. E non ci arrenderemo mai, mai”, ha scritto l’attivista su Twitter.

“Manteniamo intatta la nostra ambizione nelle ultime ore della Cop26. È la nostra occasione di scrivere la storia. Ancora di più, è nostro dovere agire ora”. E’ il messaggio della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. “Abbiamo bisogno di impegni coraggiosi per importanti tagli alle emissioni in questo decennio e verso la neutralità climatica nel 2050″, aggiunge.

I testi approvati dalla Cop26 sono un “compromesso. Riflettono gli interessi, le condizioni, le contraddizioni e lo stato della volontà politica nel mondo oggi”, ha detto il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, sottolineando che gli accordi sono un passo importante ma la “collettiva volontà politica non è stata abbastanza per superare le profonde contraddizioni”.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: