­

Cortina tra le Righe, al via il 28 giugno l’edizione 2022

Si torna “a scuola” tra le Dolomiti: la settimana di formazione per i giornalisti inaugura l’estate con eventi e corsi che forniscono chiavi di lettura per raccontare tutte le sfaccettature del concetto di sostenibilità.

 

Cortina ospita gli stati generali della professione in 9 corsi: si discute di deontologia, scienza e tecnologie, evoluzione del giornalismo e ci si confronta sulle sfide dell’intelligenza artificiale e del climate change, temi agroalimentari nel mondo dei media, informazione sportiva e turistica.  

 

Tante le novità di questa ottava edizione: dalla redazione di giovanissimi reporter – studenti di un workshop tenuto in collaborazione con il quotidiano la Svolta, che scende in campo per raccontare l’evento – al lancio ufficiale del “Premio alla Sostenibilità Ambientale Cortina thinkS Green”.  

 

Nel frattempo, in centro e in quota andrà in scena un palinsesto di eventi collaterali fatto di incontri e momenti conviviali accompagnati da chiacchierate, incontri e musica.

Pochi giorni alla partenza di Cortina tra le Righe: l’ottava edizione della formazione giornalistica più alta d’Italia inizia martedì 28 giugno, e prosegue fino a domenica 3 luglio.

 

Giornalisti provenienti da ogni orizzonte anche quest’anno tornano ad incontrarsi in presenza, come per le edizioni 2020 e 2021 nonostante il periodo difficile della pandemia, in un contesto perfetto per fare network e scambiarsi idee e proposte, su “banchi di scuola” circondati da panorami incontaminati.

Tutti i giornalisti che intendono partecipare devono necessariamente iscriversi agli eventi attraverso la piattaforma www.formazionegiornalisti.it.

 

Cortina tra le Righe concentra, in meno di una settimana e in un unico contesto 9 corsi di formazione: una risorsa per gli iscritti all’albo, ricordando che entro il 31 dicembre 2022 scade il termine per completare l’obbligo formativo per il triennio 2020/2022.

 

La rassegna è un progetto di Cortina Skiworld in co-organizzazione con il Comune di Cortina d’Ampezzo e il supporto dell’Associazione Albergatori di Cortina. I corsi quest’anno sono a cura di FAST-Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche (ente terzo autorizzato per i crediti dei giornalisti) insieme a UGIS-Unione Giornalisti Italiani Scientifici, Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna, Fondazione Filippo Burzio ed Ethosjob-Human Caring, Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi; Ordine dei dottori Agronomi e dottori Forestali della provincia di Belluno, con il coordinamento generale di DOC-COM. Con il patrocinio degli Ordini regionali dei Giornalisti di Emilia-Romagna, Piemonte, Friuli-Venezia Giulia e Trentino-Alto Adige, e di Fondazione Dolomiti Unesco.

 

Un programma intenso, tra attenzione alla deontologia, alla consapevolezza e responsabilità della professione, al Testo Unico dei doveri del giornalista nell’ultimo aggiornamento, alla veridicità delle notizie tra web e social, alla verifica delle fonti e altri approfondimenti specifici. Il mondo dell’informazione è cambiato nei decenni e con esso le esigenze di lavoro, il clima socio-politico ed economico, la cultura, la scienza e le nuove tecnologie che hanno rivoluzionato le modalità e i tempi della professione. In questo contesto la formazione assume un ruolo sempre più importante.

 

docenti sono giornalisti, esperti, ricercatori, imprenditori: una selezione di relatori di altissimo profilo. Cortina tra le Righe è una riconosciuta scuola d’eccellenza e raccoglie un’eredità importante. La località è da sempre un grande salotto per i maestri della professione, fin dai tempi in cui era frequentata da Montanelli, Buzzati, Sechi e Pieroni. Per questo motivo anche quest’anno la manifestazione potrà contare sulla presenza del Comitato Media, che riunisce oltre 60 giornalisti, le migliori firme delle principali testate italiane – radio, stampa, tv e web. Il network è nato nel 2017 per seguire i Mondiali di Sci 2021 di Cortina, e sarà in prima linea nel racconto delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026. Un modo per ribadire come la comunicazione giochi un ruolo centrale nella riflessione riguardo al territorio e al suo sviluppo.

 

Tutti i corsi in programma durante questa edizione di Cortina tra le Righe si svolgeranno nella Sala Cultura al primo piano del Palazzo delle Poste di Cortina, allestita per l’occasione dalla paper artist e designer Rosanna Frapporti: un piccolo giardino “immaginario”, con specie botaniche inesistenti in natura, ma al tempo stesso iperrealistiche.

I corsi vedono anche la collaborazione di: ASSI-Associazione Sociale Sportiva Invalidi Onlus; CortinaSenzaConfini; Confcommercio Belluno; UNAGA-Unione Nazionale delle Associazioni Giornalisti Agricoltura, Alimentazione, Ambiente, Territorio, Foreste, Pesca, Energie Rinnovabili; ARGAV-Associazione dei giornalisti agroambientali di Veneto e Trentino-Alto Adige; GIS-Giornalisti Italiani Sciatori.

 

 

La sostenibilità al centro di questa edizione  

 

Il filo conduttore di questa edizione è la sostenibilità, tema trasversale che può essere applicato ad ogni ambito: dalla scienza alla tecnologia, dai grandi eventi all’agricoltura e al turismo, passando per l’accessibilità. Cortina tra le Righe concorre a promuovere una nuova e più profonda sensibilità ambientale e sociale, creando occasioni di riflessione e di incontro sul tema.

Anche gli eventi collaterali e i momenti di incontro “off” sono stati ideati per raccontare questa chiave di lettura: in quota, tra le Dolomiti, si incontrano esperienze e progetti che promuovono una visione sostenibile.

 

Tra le novità di questa edizione c’è il lancio del Premio alla “Sostenibilità Ambientale Cortina thinkS Green”: un riconoscimento dedicato a chi, nel mondo del giornalismo, dedica particolare attenzione al tema della responsabilità legata alla cura del territorio, e lo fa attraverso la condivisione di storie e saperi. Per l’occasione, è stato coinvolto lo Studio C&C: i torinesi Paolo Albertelli e Mariagrazia Abbaldo hanno progettato un’opera in acciaio che darà corpo e sostanza ai valori trasmessi da questo riconoscimento. La scultura rappresenta un albero che mette radici e cresce dalle rovine di un carro armato: nata tra gli echi di guerra provenienti dall’Ucraina, l’opera ricorda che la sostenibilità è possibile solo in un mondo di pace. Il premio sarà assegnato a partire dall’anno prossimo.

 

 

I corsi

 

La sostenibilità è un patrimonio di saperi in costante rinnovamento; è una lente attraverso cui leggere il mondo. È anche un’attitudine che si coltiva attraverso il confronto permanente e il dialogo: da questa riflessione scaturiscono i temi di Cortina tra le Righe.

Nuove sfide nella deontologia dell’informazione scientifica e sosteniblità dell’informazione sono il macro-tema dei 4 corsi delle prime due giornate UGIS -Unione Giornalisti Italiani scientifici con la collaborazione di partner collegati. Si discute su gestione sostenibile del mondo giornalistico con approfondimenti su climate change metodi e strumenti deontologici per i giornalisti. Segue una analisi su opportunità e rischi dell’applicazione dell’intelligenza artificiale, l’evoluzione della professione ripercorrendo gli ultimi 50 anni di vita del Paese, l’informazione sportiva tra innovazione, scienza ed ecologia integrale.

Le prossime Olimpiadi Milano-Cortina 2026 sono l’occasione per riflettere su due temi importanti: la tutela del territorio e l’accessibilità. Cortina tra le Righe si apre ai progetti e alle iniziative che valorizzano l’ambiente, anche in chiave turistica, che coinvolgono in primis i luoghi che saranno teatro delle competizioni. La sostenibilità riguarda anche l’accessibilità e la lotta alle barriere architettoniche in ambiente montano, tema che sarà discusso insieme ad architetti, mobility manager, associazioni e atleti paralimpici. Le Olimpiadi e le Paralimpiadi sono un’occasione di incontro fra culture e di valorizzazione delle differenze: ecco perché un corso sarà interamente dedicato al linguaggio dell’inclusione e dei diritti e al ruolo dei media nella promozione di questa sensibilità.

L’agricoltura eroica e la smart agricolture sono un altro tema imprescindibile: per preservare il territorio si recuperano e sostengono tutte le attività agricole e silvo-pastorali più antiche. Al tempo stesso i contadini adottano strumenti e tecnologie smart, per creare i presupposti di un'”agricoltura di precisione” realmente sostenibile. Infine si approfondirà il tema del climate change e i suoi effetti, molto evidenti, sugli ecosistemi di montagna: in particolare, si racconterà il progetto di ricerca internazionale Ice Memory, riconosciuto dall’UNESCO e che vede l’Italia capofila.

 

Come iscriversi ai corsi di “Cortina tra le righe” nella piattaforma www.formazionegiornalisti.it: occorre andare nel menù di sinistra alla voce

Corsi ed entrare in “Corsi disponibili”, poi usando il filtro di ricerca di destra si seleziona la tipologia di Organizzatore nelle opzioni presenti, inserendo “Ente terzo formatore”, poi in “Completa filtro” si deve digitare il nome dell’ente in stampatello “FAST”, e poi “applica i filtri di ricerca”. A questo punto si entra in ogni singolo corso selezionato per iscriversi. In alternativa si scorrono i “Corsi disponibili” in ordine cronologico di data e relativo titolo.

 

Titoli su www.formazionegiornalisti.it

 

La deontologia nell’informazione scientifica e la gestione sostenibile nel mondo della ricerca

28 giugno, ore 9.30-13.30, 6 crediti deontologici

Intelligenza artificiale e informazione scientifica

28 giugno, ore 15.30-18.30, 3 crediti

Sostenibilità dell’informazione: evoluzione del giornalismo negli ultimi 50 anni

29 giugno, ore 10.00-13.00, 3 crediti

L’informazione sportiva: innovazione e scienza per una ecologia integrale

29 giugno, ore 15.30-18.30, 3 crediti

Progettare l’inclusione, dalle azioni alla comunicazione fino all’informazione

30 giugno, ore 10.30-12.30, 2 crediti

Ritorno al futuro: le nuove sfide dell’agricoltura eroica e smart, dai territori alle notizie giornalistiche

30 giugno, ore 15.00-17.00, 2 crediti

Il clima che cambia, la montagna e l’impatto nei media, tra interviste e dossier

1 luglio, ore 10.00-13.00, 3 crediti

. La grande sfida del linguaggio inclusivo nella comunicazione sportiva verso le olimpiadi invernali

1 luglio, ore 16.00-18.00, 2 crediti

. Comunicare l’ambiente e la sostenibilità

2 luglio, ore 10.00-12.00, 2 crediti

 

 

Le attività collaterali

 

La sostenibilità è anche uno stile di vita, un’esperienza che si promuove valorizzando il contatto con la natura e l’immersione nei panorami sconfinati delle Dolomiti. Cortina tra le Righe ha costruito un palinsesto di eventi che portano il pubblico in quota, offrendo punti di vista e narrazioni insolite.

 

Martedì 28 giugno si sale a Col Druscié per la cena di benvenuto e l’Astrotalk “Viaggio su Marte…passando per il Polo Sud”: Giovanni Caprara, presidente UGIS – Unione Giornalisti Italiani Scientifici ed editorialista scientifico del Corriere della Sera, Enzo Vitale, coordinatore del gruppo Astrofisica e Astronomia UGIS ed ex giornalista Il Messaggero, Giulia Iafrate, ricercatrice INAF-Osservatorio Astronomico di Trieste e presidente Associazione Astronomica Cortina, dialogano in collegamento web con Massimiliano Catricalà, station leader della base italo-francese Concordia in Antartide per capire come le esperienze estreme sono utili per sopravvivere nello spazio. Con stimoli e domande di due studenti di due scuole di Cortina d’Ampezzo e S. Stefano di Cadore.

A seguire aperitivo in terrazza, cena e visita guidata all’Osservatorio astronomico “Helmut Ullrich” del Col Druscié con osservazione al telescopio.

Mercoledì 29 giugno si può scegliere tra un lunch con accompagnamento musicale a La Suite, in centro, oppure un pranzo al Faloria, nella terrazza panoramica. La sera l’appuntamento è all’Hotel De la Poste, con il docente dell’Università Cattolica di Milano Ruben Razzante, che presenterà la 9° edizione del Manuale di diritto dell’informazione e della comunicazione.

Venerdì 1° luglio si cambia panorama: questa volta sono le 5 Torri ad accogliere una scintillante Sparkling Night, cena al chiaro di luna al Rifugio Scoiattoli.

Sabato 2 luglio ci si sveglia alle prime luci dell’alba per il trekking con il gregge di Ampezzo Oasi, un’esperienza che permette di vivere l’emozione di accompagnare i pastori e fare merenda con loro a Fosses, dopo tre ore di cammino. In alternativa si pranza immersi nel verde dei prati di Pocol alle 12.45, alla Baita Resch. Nel pomeriggio ci si ritrova a Lagazuoi EXPO Dolomiti, il polo espositivo alla stazione di arrivo della funivia Lagazuoi, per incontrare Federica Brignone – l’azzurra dello sci alpino più vincente di sempre: l’occasione è il vernissage della mostra dedicata al suo progetto Traiettorie Liquide, esposto per la prima volta integralmente. Sarà invece lo Chalet Tofane ad accogliere, alle ore 20.00, il Closing Dinner.

La domenica, infine, l’appuntamento è ancora una volta in quota, nel cuore delle Dolomiti: la mattina si sale a Piè de Tofana per un intenso momento dedicato alla consapevolezza di sé con Alessandro Broccolo, Life Purpose Coach, e il suo workshop di Sostenibilità interiore. Infine, ci si saluta con il brunch al rifugio Pomedes, accompagnato da un concerto in quota a cura di CortinAteatro.

 

 

Novità: una redazione di giovanissimi per Cortina tra le Righe e La Svolta

 

Un team di ragazzi che sognano di fare i giornalisti si mette alla prova, forma una redazione e impara dai maestri della professione a raccontare le sfide della sostenibilità. Cortina tra le Righe lancia insieme al giornale La Svolta – quotidiano particolarmente attento ai temi legati all’ambiente, ai diritti e all’innovazione sociale, culturale e tecnologica – un workshop dedicato alle nuove generazioni.

Ragazze e ragazzi dai 18 ai 25 anni sono invitati a integrare una vera e propria redazione: durante il festival seguiranno i corsi di formazione con i colleghi e intervisteranno i protagonisti della manifestazione, guidati da Cristina Sivieri Tagliabue, Direttrice de La Svolta e tutor del progetto. Gli studenti avranno la possibilità di scrivere per il portale cortinagreen.it e realizzare infine uno speciale che sarà pubblicato su La Svolta.

 


 

Da non perdere a Cortina nella settimana 28 giugno/3 luglio

 

 

La tradizione in mostra: Tra fili d’argento e arte

25 giugno – 9 ottobre

 

Il Museo Etnografico “Regole d’Ampezzo” propone per l’estate 2022 una mostra dedicata ad uno degli artigianati tipici della conca, ovvero la lavorazione della filigrana. L’arte della lavorazione dell’argento puro è stato per secoli uno dei fiori all’occhiello della Scuola d’Arte di Cortina: i mastri orafi hanno dato vita a raffinati capolavori. Tra i gioielli realizzati in filigrana spiccano i trèmui, caratteristici spilloni per capelli che adornavano le acconciature femminili tradizionali. Sono decorati con fiori realizzati a partire da un filo dallo spessore di un capello, e rifiniti con pietre colorate. Un omaggio a un’arte che purtroppo sta scomparendo insieme ai suoi custodi.

 

 

“I Bortoluzzi a Cortina. La dinastia del paesaggio”

25 giugno – 9 ottobre

 

All’interno della Casa delle Regole (Ciasa de ra Regoles), che è anche la sede delle Regole d’Ampezzo, troviamo il Museo d’Arte moderna Mario Rimoldi: fino ad ottobre ospita la mostra “I Bortoluzzi a Cortina. La dinastia del paesaggio” a cura di Giorgio Chinea Canale. In esposizione, una settantina di opere dei Bortoluzzi, una delle più importanti dinastie pittoriche del panorama artistico veneto tra ‘800 e ‘900. Il Museo Mario Rimoldi è interessante anche per via delle sue collezioni permanenti, con opere di artisti come De Pisis, Morandi, Semeghini, Rosai, Campigli, Sironi, Garbari, Severini, Guttuso.

 

 

Il Sentiero naturalistico del Ghiacciaio del Sorapis

25 giugno – 9 ottobre

 

Il Museo Paleontologico Zardini ospita un allestimento che racconta il Sentiero Naturalistico del Ghiacciaio del Sorapis, un percorso nato in seguito al lavoro di un team di ricercatori del MUSE di Trento e dell’Università Statale di Milano. L’itinerario si snoda tra il Lago del Sorapis e le zone affacciate sulla fronte del Ghiacciaio Occidentale, toccando quota 2360 m, e valorizza tutte le caratteristiche di questo territorio unico: geologia, morfologia, fauna e flora. Visitando il Museo si può inoltre ammirare le vetrine con la collezione di fossili di creature marine raccolti da Zardini sulle montagne intorno a Cortina: il ricercatore ha trovato traccia dell’evoluzione del territorio, milioni di anni raccontati attraverso la pietra.

 

 

Oltre il Falzarego, alla scoperta del Castello di Andraz

Da giugno ad ottobre (a luglio: da martedì a domenica)  

 

Apertura, per l’estate, del Castello di Andraz, poco oltre il passo Falzarego in direzione di Alleghe: uno dei castelli più antichi delle Dolomiti. Costruito nel 1027 sopra un grande masso di frana, era posto a difesa delle fonderie e della strada dove transitava il ferro scavato nelle miniere del Monte Pore. Restaurato e valorizzato, oggi è un polo culturale molto attivo che propone eventi di ogni tipo. Si effettuano visite guidate su prenotazione.

https://www.castellodiandraz.it/it/orario-prezzi-contatto

 

 

Museo all’aperto della grande guerra

 

Il conflitto mondiale del ’15 – ’18 è al centro del Museo aperto della Grande Guerra, il più grande a livello europeo, costituito dai quattro Musei all’aperto del Lagazuoi, delle 5 Torri, del Sasso di Stria e dal Museo del Forte Tre Sassi. È come camminare tra le pagine di un libro di storia, seguendo le impronte degli uomini al fronte: si passeggia tra gallerie, trincee, fortini e postazioni cercando con lo sguardo le tracce e gli indizi che raccontano cos’è accaduto qui più di un secolo fa. Sono possibili diversi percorsi di visita, alcuni più lunghi e impegnativi, altri più brevi e meno difficoltosi.

 


 

CORTINA TRA LE RIGHE 2022

 

Un progetto di:  Cortina Skiworld in co-organizzazione con Comune di Cortina d’Ampezzo e il supporto dell’Associazione Albergatori di Cortina d’Ampezzo

 

Comitato del programma: FAST-Federazione delle Associazioni Scientifiche e Tecniche; UGIS-Unione Giornalisti Italiani Scientifici; Fondazione dell’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna; Fondazione Filippo Burzio; Ethosjob-Human Caring; Fondazione Centro Studi del Consiglio Nazionale dei Geologi; Ordine dei dottori Agronomi e dottori Forestali della provincia di Belluno; Coordinamento generale di DOC-COM

 

Con il patrocinio di: Ordine e Fondazione Ordine dei Giornalisti dell’Emilia-Romagna; Ordine dei Giornalisti del Piemonte; Ordine dei Giornalisti del Friuli-Venezia Giulia; Ordine dei Giornalisti del Trentino-Alto Adige; Fondazione Dolomiti Unesco

 

Con la collaborazione di: ASSI-Associazione Sociale Sportiva Invalidi Onlus; CortinaSenzaConfini; Confcommercio Belluno; UNAGA-Unione Nazionale delle Associazioni Giornalisti Agricoltura, Alimentazione, Ambiente, Territorio, Foreste, Pesca, Energie Rinnovabili; ARGAV-Associazione dei giornalisti agroambientali di Veneto e Trentino-Alto Adige; GIS-Giornalisti Italiani Sciatori

 

Main Partner: Alperia

 

Communication Partner: Cortina Marketing; DMO Belluno Dolomiti; Dolomiti Superski

 

Cultural Partner: CortinATeatro; Università IUAV di Venezia; Libreria Sovilla

 

Art Partner: Studio C&C; Rosanna Frapporti

 

Hospitality Partner: Hotel de la Poste; Parc Hotel Victoria, Faloria Mountain Spa Resort

 

Mobility Partner: Cortina Express; Cortina Consulting

 

Food & Drink Partner: Tinazzi Wine; My Venice; Villa Laviosa

 

Special Thanks: Seam – Servizi Ampezzo | Spazi espositivi: Lagazuoi EXPO Dolomiti | Impianti a fune: Faloria Spa; Seggiovia 5 Torri; Ista Spa; Lagazuoi Spa; Tofana Srl | Bar, rifugi e ristoranti: Baita Resch; Chalet Tofane; Embassy; La Perla; La Suite; LP26; Rifugio Col Drusciè; Rifugio Faloria; Rifugio Pomedes; Rifugio Scoiattoli

foto – Cortina d’Ampezzo

Crediti: Stefano Zardini

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.