The European Jazz Workshop

Time of War, Time for Peace

Ventidue giovani musicisti provenienti da Parma, Oslo, Norimberga, Amburgo e Glasgow si incontrano nel Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” per la sessione finale di “The European Jazz Workshop”, progetto finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del programma Erasmus+. Il 1 ottobre 2022 il Concerto conclusivo al Teatro Farnese inserito nel ParmaJazz Frontiere Festival.

Ventidue giovani musicisti provenienti da cinque Conservatori europei si incontrano a Parma per suonare insieme, conoscersi, comporre, riflettere su temi come la guerra e la pace. Si conclude nel Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma “The European Jazz Workshop”, con una doppia sessione che si articolerà dal 25 al 30 luglio e dal 26 al 30 settembre 2022, per poi sfociare in un concerto aperto al pubblico, il 1 ottobre al Teatro Farnese, inserito nel ParmaJazz Frontiere Festival.

Progetto nato nel 2019, finanziato dalla Comunità Europea attraverso il programma Erasmus+, “The European Jazz Workshop” mette in rete cinque Conservatori (Parma, Oslo, Norimberga, Amburgo e Glasgow) e cinque festival europei (Oslo Jazz Festival, Edinburgh Jazz and Blues Festival, Nue Jazz di Norimberga, ElbJazz di Amburgo e ParmaJazz Frontiere), con l’intento di creare e sviluppare una cultura europea comune, che parli a tutta l’umanità attraverso il linguaggio universale della musica e della poesia. In un’epoca difficile come quella attuale, segnata da due anni di pandemia e dalla guerra, il progetto ha deciso di riflettere, attraverso la musica, anche sulle tematiche della pace.

La sessione di Parma, un “intensive program” a cura di Roberto Bonati (docente di contrabbasso e composizione jazz del Conservatorio di Parma e direttore artistico di ParmaJazz Frontiere Festival), approfondirà in particolare il rapporto tra composizione e improvvisazione nella musica per orchestra jazz. Tra gli altri docenti coinvolti, Morten Halle, docente del dipartimento jazz e improvvisazione all’accademia di Oslo, e Frank Wuppinger, direttore artistico di Nue Jazz di Norimberga.

Questi gli allievi partecipanti: per il Conservatorio di Parma, Pietro Vecchi, Domenico Mobrici (sax), Leonardo Badiali (percussioni), Angela Malagisi (voce), Alberto Leoni e Giuseppe Scalici (conpositori); dall’Hochschule Für Musik Und Theater di Amburgo, Francisco Perez Colon (violino e composizione), Esther Thoben (violoncello), Cansu Arat (voce), Johannes Knoll (tromba); dal Royal Conservatoire Of Scotland di Glasgow, Rosalind Orr (sax), Alexander William Handyside (chitarra), Garry Simpson (percussioni); dalla Norges Musikkhøgskole di Oslo, Martin Tvedten (piano e composizione), Maria Dybbroe (sax e composizione), Ingrid Berg Medhus (violino), Øyvind Solheim (tromba); dalla Hochschule Für Musik di Norimberga, Michael Reiss (sax), Fabius Mey (trombone), Paul Laga (vibrafono), Nataliia Zaichenko (contrabbasso), Sonja Barth (violino).

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.