Vari scioperi, anche nel settore petrolifero. Internet oscurata in molte città

 

 

In Iran l’onda di proteste si estende al mondo del lavoro e molte categorie e anche ordini professionali oggi scendono in sciopero, dagli studenti ai lavoratori dei bazar, insegnanti, avvocati, operai di fabbrica (come quelli della Haft-Tappeh Sugarcane Industry) e anche del settore petrolifero.

In alcune città ci sono stati raduni di protesta e tentativi di manifestazione, malgrado le autorità abbiano oscurato internet in diverse zone del Paese.

Si tratta di un importante allargamento della protesta seguita alla morte di Mahsa Amini dopo l’arresto perché non indossava correttamente il velo.

“Credo sia arrivato il momento di sanzionare le persone responsabili” della repressione delle donne iraniane e della “violazione” dei loro diritti. Lo ha detto la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, parlando alla Conferenza degli ambasciatori. “Le violenze scioccanti inflitte al popolo iraniano non possono rimanere senza risposta e dobbiamo lavorare insieme sulle sanzioni”, ha evidenziato.

“Ci sono due pesi e due misure in Occidente, perché il confronto con le rivolte è una buona azione nei Paesi europei, ma è considerata una repressione in Iran”: lo ha twittato il ministro degli Esteri Hossein Amirabdollahian, dopo la conversazione telefonica con il suo omologo francese Catherine Colonna ieri sera, aggiungendo: “Non permetteremo a nessuna parte dall’interno o dall’esterno dell’Iran di prendere di mira la sicurezza nazionale del Paese”. L’Iran ha criticato la posizione assunta da alcuni Paesi contro la repressione delle proteste per la morte di Mahsa Amini sotto la custodia della polizia.

Più di 120 persone sono state incriminate in Iran: lo ha dichiarato l’Autorità giudiziaria, sullo sfondo delle proteste scatenate in tutto il Paese dalla morte di Mahsa Amini dopo il suo arresto da parte della polizia morale. L’autorità ha annunciato “l’incriminazione di 60 persone” a Teheran e di altre 65 nella provincia meridionale di Hormozgan, arrestate durante “recenti disordini”, ha dichiarato Mizan Online, il sito web della magistratura iraniana.

È salito a 201 morti, tra i quali 23 minori di 18 anni, il bilancio di 3 settimane di proteste in Iran documentate dall’ong basata a Oslo, l’Iran Human Rights (Ihr). L’organizzazione denuncia le difficoltà di collegamento causate dal blocco di internet che impediscono ulteriori approfondimenti. Il direttore, Mahmood Amiry-Moghaddam, denuncia l’escalation di arresti e violenze nei confronti di studenti e scolari.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *