Alla scoperta delle origini del dialetto parmigiano tra aneddoti e ricerche di archivio: Giovanni Petrolini presenta il Volume 0 del Tesoro del dialetto parmigiano

Il libro, edito da MUP Editore, verrà presentato presso APE Parma Museo, mercoledì 30 novembre ore 17.30

 

Il Volume 0 del Tesoro del dialetto parmigiano, fresco di stampa per i tipi di MUP Editore, è un primo e appetitoso “assaggio” dell’approfondita ricerca sul dialetto locale che ha impegnato per oltre cinquant’anni Giovanni Petrolini, linguista e dialettologo, già professore associato di Linguistica italiana e di Dialettologia italiana presso l’Università degli Studi di Parma.

Nel libro, che verrà presentato mercoledì 30 novembre alle ore 17.30 all’APE Parma Museo (Strada Farini 32/a), l’autore si sofferma, dopo una rapida considerazione dei dialetti del Parmense nel quadro di quelli italiani, sull’origine e sulle particolarità fonetiche, morfologiche e semantiche del dialetto parmigiano, attraverso tre ambiti lessicali significativi, quali la religiosità, la sessualità e l’alimentazione.

Il lavoro di Petrolini, che nel tempo ha raccolto più di 25 mila lemmi, è il risultato congiunto di una doppia ricerca: quella sul campo, affidata all’ascolto della viva voce dei parlanti, e quella d’archivio, rappresentata da un ampio spoglio dei più significativi testi “dialettali” dell’area parmense dal Medioevo ad oggi.

La pubblicazione è quindi una preziosa occasione per tessere la trama del racconto di una vita comunitaria ormai scomparsa, e per ricomporre, come in un puzzle, l’immagine di una cultura che, sulle ali robuste della memoria popolare, ha attraversato millenni di storia.

Proprio per il forte collegamento con le origini e la storia della nostra città, il libro di Petrolini costituisce un ottimo spunto per una strenna natalizia: alcune parole risveglieranno in molti parmigiani cari ricordi e accenderanno intermittenze del cuore.

A presentare il Volume 0 del Tesoro del dialetto parmigiano, insieme all’autore, interverrà Claudio Rinaldi.

L’ingresso è libero; si consiglia la prenotazione al tel. 0521 203430 oppure via e-mail a info@fondazionemonteparma.it.

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *