Il Comune di Parma gestisce servizi e interventi a favore della popolazione che versa in condizioni di povertà estrema e vive in situazioni di esclusione abitativa, con particolare riferimento a coloro che sono senza casa e senza tetto e vivono in una condizione di “senza dimora”.

L’arrivo della stagione invernale e l’abbassamento delle temperature aumentano i fattori di rischio per coloro che si trovano in una condizione di marginalità.

Anche quest’anno la Struttura Operativa Fragilità del Comune di Parma, in vista dell’inverno 2023 – 2024, ha organizzato l’apertura della struttura d’accoglienza temporanea maschile “Emergenza Freddo” in strada del Cornocchio 27/31, che apre oggi, venerdì 1° dicembre.

“La struttura del Cornocchio – sottolinea l’assessore alle Politiche sociali Ettore Brianti – rappresenta un luogo di accoglienza che va a implementare l’offerta dei servizi di bassa soglia per adulti senza risorse, che durante il resto dell’anno vengono comunque accolti presso la Casa Accoglienza Notturna Transitoria di strada Santa Margherita, oltre che presso la struttura femminile “Le Cento lune”.

Si tratta di una struttura che mette a disposizione 24 posti per uomini senza dimora, gestita dalla cooperativa Aurora Domus: un servizio di accoglienza notturna che ha l’obiettivo di garantire un periodo di ristoro e sollievo a persone in situazione di marginalità estrema, senza dimora, evitando situazioni di pregiudizio per la loro salute. Importanti novità di quest’anno sono l’Unità di Strada e il servizio di Pronto intervento sociale, gestiti dalla Cooperativa Società Dolce, in sinergia con i Servizi sociali dei Comuni del Distretto di Parma: due strumenti preziosi per supportare chi vive in situazioni di particolare disagio sociale”.

Gli interventi di ascolto e eventuale invio al luogo di accoglienza temporanea fanno parte del sistema di interventi a contrasto della povertà estrema che il Comune di Parma co-realizza in collaborazione con la fondazione Caritas Sant’Ilario.

Considerato che il servizio di accoglienza notturna “Emergenza freddo” ha l’obiettivo di fronteggiare bisogni urgenti e indifferibili, che si accentuano con il sopraggiungere delle basse temperature, gli ingressi potranno avvenire non solo con procedura ordinaria negli orari di apertura del Centro di ascolto Caritas, ma anche tramite procedura in emergenza. Sarà quindi disponibile, un numero di telefono unico di Pronto Intervento Sociale, gestito da un competente operatore di Caritas, attivo tutte le notti e durante i fine settimana e i giorni festivi. Questo strumento consentirà alle Forze dell’Ordine, al Pronto Soccorso e alle Unità di Strada di attivare rapidamente il servizio di accoglienza nel momento in cui incontreranno persone in situazione di estrema marginalità.

Il servizio ha lo scopo di evitare rischi di salute conseguenti al dormire all’aperto con basse temperature, pertanto Il servizio sociale del Comune e Fondazione Caritas Sant’Ilario continueranno a mantenere i raccordi con le unità di strada dei servizi specialistici dell’Azienda Usl e con i servizi sanitari, per la tutela e attenzione alla persona in modo globale e integrato.

Inoltre il servizio sarà costantemente monitorato da un’équipe composta da un Referente della Struttura Operativa Fragilità del Comune di Parma, dal Coordinatore della Cooperativa Aurora Domus e dal Referente di Caritas che si occupa della valutazione degli accessi.

Nell’ultimo periodo del 2023 il Comune di Parma ha ampliato i servizi di ascolto, orientamento, erogazione di un’eventuale risposta immediata e tempestiva a un bisogno urgente, a favore della marginalità estrema e dei senza dimora. Questo obiettivo è stato perseguito con la costituzione di un’Unità di Strada e di un Servizio di Pronto intervento sociale (PrINS).

Si tratta di un servizio che opera nel territorio del Comune di Parma e nei Comuni del Distretto di Parma (Sorbolo Mezzani, Colorno, Torrile) e che collabora in sinergia con i Servizi sociali dei Comuni referenti.

Unità di Strada e PrINS, gestiti dalla Cooperativa Società Dolce, vanno a integrare e a interconnettersi con tutte le realtà formali e del terzo settore che da tempo sono attive a Parma e con le quali il Comune collabora per monitorare i fenomeni connessi alla marginalità: l’obiettivo è intercettare, orientare e tentare d’accompagnare in un percorso di sostegno coloro che mostrano un particolare disagio sociale e che, per differenti motivazioni, vivono ai margini della società.

Cooperativa Società Dolce gestisce inoltre la struttura di accoglienza transitoria maschile “CANT Enzo Sicuri” per fornire risposte adeguate a coloro che sono connotati da esclusione sociale e abitativa.

(Fonte: Comune.parma.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *