Cascate di luci colorate, profumi di cannella e anice stellato che si spandono nell’aria, motivetti natalizi in sottofondo, bancarelle di legno che traboccano di dolciumi e cioccolata. È la magia dei mercatini di Natale, appuntamento tra i più amati dai turisti in quest’ultimo scorcio dell’anno.

Chi ha detto che soltanto quelli – arcinoti – del Trentino o di Vienna valgono una visita? Anche l’Emilia Romagna si è ritagliata una posizione di tutto rispetto nella tradizione dei mercatini: ecco, allora, un itinerario tra i più caratteristici e frequentati della regione.

Lungo la via Emilia, sono d’obbligo le soste a Forlì (in Piazza Saffi, cuore della città, è già allestito il tradizionale mercatino) e nei centri storici di Modena, Parma e Piacenza. A Ferrara le casette di legno animano festosamente piazza Trento Trieste dallo scorso 18 novembre, mentre a Ravenna dal 2 dicembre sorprende l’originale Villaggio di Natale (in Piazza del Popolo fino a domenica 7 gennaio 2024).

Sono 15 i capanni della tradizione balneare popolare, risalenti agli anni Cinquanta e Sessanta, colorati di blu, verde, azzurro, marrone e bianco, rivisitati in chiave natalizia: offriranno prodotti enogastronomici di qualità e addobbi tipici delle festività.

Altra tappa significativa non può che essere Bologna. Con la sua ampia proposta, il capoluogo emiliano non teme certamente la concorrenza dei mercatini altoatesini: le possibilità di svago e shopping, per adulti e piccini, sono quanto mai variegate. A pochi passi dalle Due Torri, l’antica fiera di Santa Lucia rappresenta il luogo caratteristico del Natale bolognese: qui, tra le 35 bancarelle in legno, si possono trovare addobbi per l’albero, statuine di tutte le fogge per il presepe e i bambini possono lasciare la loro lettera per Babbo Natale.

Un altro luogo simbolo del Natale cittadino è la fiera di via Altabella, nei dintorni di Piazza Maggiore: un appuntamento irrinunciabile, che consente, fino all’8 gennaio 2024, un’autentica full immersion nell’atmosfera natalizia. Anche quest’anno, inoltre, è presente il Villaggio di Natale francese in Piazza Minghetti (termina il 24 dicembre). Qui è possibile scegliere tra infinite idee regalo: dalle tovaglie ai saponi, dalla lavanda ai profumi, fino alle golosità tipiche d’Oltralpe, come fragranti croissant, baguette e macaron.

Spostandosi verso la costa romagnola, vale certamente una visita il porto canale di Cesenatico, illuminato a festa dalle mille luci del presepe della Marineria: qui fanno bella mostra di sé decine di bancarelle, con tanti prodotti tipici da acquistare o degustare (dallo scorso 2 dicembre al 7 gennaio 2024, nei giorni festivi e prefestivi). Tra un assaggio e l’altro, ci si può soffermare sul suggestivo presepe galleggiante, allestito sulle antiche barche tradizionalmente presenti nel porto canale leonardesco.

Il presepe, inaugurato nel 1986, è opera degli artisti Maurizio Bertoni e Mino Savadori, su progetto del celebre artista Tinin Mantegazza, padre del pupazzo Dodò dell’Albero Azzurro. La prima statua, dopo la sacra Famiglia e i Re Magi, è stata quella di S. Giacomo, patrono di Cesenatico. Nel corso degli anni se ne sono aggiunte altre, che rappresentano personaggi e scorci di vita della marineria locale: il burattinaio con il suo teatrino, i pescatori, la piadinara, il suonatore di fisarmonica, gli angeli e un prodiere, collocato sul bragozzo d’altura. I volti, le mani, i piedi e tutte le parti esposte delle statue sono scolpiti in legno di cirmolo.

Gli abiti sono in tela e i voluminosi drappeggi sono realizzati con uno strato di cera pennellata a caldo. I colori sono gli stessi che si usavano per tingere le vele delle barche, la cera serviva invece per ammorbidire il sartiame. L’effetto è reso ancora più emozionante dalle luci che avvolgono le imbarcazioni.

Rimini pullula di mercatini nel periodo natalizio: quest’anno più che mai, saranno disseminati tra centro storico e lungomare. In centro storico, in particolare lungo via Poletti (nei pressi del Teatro Galli e di Castel Sismondo), fino al 7 gennaio torna il Mercatino dei sogni di Natale, con le tradizionali casette di legno che ospitano decine di artigiani e artisti locali (a cura di Cna Rimini).

Saranno presenti maestri di bigiotteria, ceramica, cuoio, oggettistica in legno, abbigliamento, carta, oggettistica di Natale, creme e saponi, lavorazione dei cristalli, vini del territorio della Strada dei vini e dei sapori dei colli di Rimini. Anche i più piccoli potranno divertirsi sui cavalli della giostra francese e spedire le letterine a Babbo Natale. Location da visitare sono poi Piazza Tre Martiri, dove sarà allestita la fiera di Natale, e il Villaggio degli Elfi: un esempio, quest’ultimo, di riqualificazione ‘dal basso’, messa in atto da cittadini e volontari nel giardino di un hotel dismesso a San Giuliano Mare (ex ‘Hotel delle Nazioni’).

Un altro villaggio natalizio è allestito in piazzale Boscovich, al posto della ruota panoramica estiva: comprende una pista di pattinaggio sul ghiaccio di 500 mq, il mercatino di Natale, con una decina di casette tradizionali in legno, l’area ristoro e un’area per gli spettacoli.

Per rituffarsi nella tradizione, occorre invece addentrarsi nell’entroterra e raggiungere il delizioso borgo di Sant’Agata Feltria, nell’alta Valmarecchia, noto ai più come “Il paese del Natale”. Qui, nella piazza principale si materializza ogni anno la casa di Babbo Natale e degli elfi, attorno alla quale si tengono numerosi eventi dedicati ai più piccoli.

L’attrazione principale, però, è rappresentata da due renne in carne e ossa, che trainano una slitta guidata da un vero vecchietto lappone. Accompagnati dalle musiche degli zampognari e dalle luci degli addobbi, è possibile visitare i mercatini o, in alternativa, optare per un appetitoso percorso gastronomico, denominato ‘I piatti dell’Avvento’.

Ristoranti, trattorie e locande proporranno menu a tema, basati sulla riscoperta dei piatti natalizi della più squisita tradizione romagnola.

Fonte: Ilrestodelcarlino.it

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *