È stata presentata la prima anticipazione del Dossier con cui Parma si candiderà a diventare Capitale Europea dei Giovani nel 2027. La candidatura, che verrà presentato in Europa il 13 febbraio e il cui esito sarà reso noto il 26 marzo, prevede in caso di vittoria la realizzazione di oltre 100 eventi nel 2027, 10 al mese, con ogni mese dedicato ad uno specifico tema di attualità.

Il Dossier è frutto di un ampio processo partecipativo, che ha visto il coinvolgimento di centinaia di ragazze e ragazzi under 30 e 85 associazioni, sia locali che internazionali. Questo importante percorso, a prescindere dall’esito finale della candidatura, ha già portato risultati per la città in termini di creazione di un ecosistema di realtà cittadine ed extracittadine che l’Amministrazione mira a mantenere e valorizzare negli anni.

Innovativo strumento di valutazione delle politiche pubbliche per ridurre il divario generazionale, Parma è la prima città in Europa a dotarsene. Grazie alle linee guida in esso contenute, ogni settore valuterà le proprie azioni sia in maniera preventiva che consuntiva, misurando l’impatto sulle generazioni più giovani. Si tratta di uno strumento fondamentale, perché per la prima volta si introduce un sistema di valutazione delle azioni svolte e perché rende le politiche giovanili trasversali a tutti i settori.

In previsione a breve la riapertura del Workout Pasubio. Questa riapertura, frutto di un percorso partecipativo a cui hanno aderito oltre 35 associazioni, ridarà alla città e ai suoi giovani un fondamentale punto di aggregazione. In più, nel centro storico, verrà aperto un HUB culturale/creativo gestito dai giovani per i giovani, dove troveranno spazio cultura, musica e arte. Infine, anche l’Informagiovani, per supportare nell’ingresso del mondo del lavoro, è stato completamente rivalorizzato, dandogli una nuova forma più attrattiva e più rispondente alle reali necessità dei giovani.

Grazie all’importante partecipazione delle associazioni, oltre 85, è stato creato un ecosistema che valorizza le realtà giovanili locali rendendole maggiormente coinvolte nella vita cittadina e potrà portare a Parma esperienze nuove. Nella realizzazione del Dossier sono state infatti incontrate importanti reti europee che potranno portare in città esperienze nuove, di respiro internazionale.

Oltre a Mi Prendo il Mondo, realizzato con il Salone Internazionale del Libro di Torino, che verrà confermato come grande evento ricorrente in città, il percorso svolto ha portato altri due eventi in programma per quest’anno. Il primo, in aprile, è l’Open Jam di The European House – Ambrosetti; il secondo, a maggio, sono i campionati nazionali di imprenditoria giovanile.

Importante iniziativa ricorrente per creare un dialogo costante fra i giovani e le istituzioni. L’iniziativa prevede ogni mese si svolga un incontro informale fra un assessore e la comunità giovanile. Uno strumento per creare consapevolezza e riavvicinare le giovani generazioni al mondo delle Istituzioni.

(Fonte: Comune.parma.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *