Il Consolato Generale d’Italia a Boston, sede nominata Capitale della Creatività italiana nel mondo 2024, ha dedicato la Festa della Repubblica alla celebrazione della creatività italiana. L’evento, a cui hanno preso parte oltre 350 partecipanti, tra imprenditori, professori, accademici, scienziati, autorità locali, rappresentanti della comunità italiana e italo-americana del New England, è stato dedicato alla cucina parmigiana e a Parma Città Creativa UNESCO per la Gastronomia, grazie al sostegno di ALMA e con il coinvolgimento dello Chef Mario Marini.

Come sottolineato nel discorso dal Console Generale d’Italia a Boston, il parmigiano Arnaldo Minuti, la celebrazione della creatività italiana in cucina non poteva prescindere dal coinvolgimento della città che per la sua tradizione gastronomica e culturale è stata riconosciuta come una eccellenza mondiale dall’UNESCO.

La Festa Nazionale ha avuto luogo nella sede del Faculty Club di Northeastern University, prestigiosa università di Boston che annovera numerosi professori italiani, tra cui Alessandro Vespignani, direttore del Network Science Institute ed esperto mondiale di modelli epidemiologici. Nel corso dell’evento si sono inoltre esibiti i Bandierai degli Uffizi, il gruppo di sbandieratori ufficiali di Firenze e del Calcio Storico fiorentino e sono state consegnate alcune onorificenze, tra cui la Stella d’Italia al noto scienziato del MIT (Massachusetts Institute of Tecnology), Prof. Silvio Micali, già vincitore del premio Turing nel 2013 per i propri studi sulla crittografia.

Il Consolato Generale a Boston è una delle tre sedi diplomatiche italiane nel mondo, che, grazie alla propria attività di promozione, sono state riconosciute dal Ministero degli Esteri italiano come Capitali della Creatività Italiana 2024 (le altre due sono le Ambasciate italiane e Riga e Tunisi). A Boston, la celebrazione della creatività italiana è in corso dall’inizio dell’anno e proseguirà nei prossimi mesi fino al Festival della Creatività italiana, grande evento di promozione della cultura, della scienza, dell’innovazione e della lingua italiana, in programma a metà novembre.

(Fonte: Comune.parma.it)

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *