Caso macachi di Parma: le associazioni animaliste parmensi chiedono l’aiuto del nuovo sindaco di Parma, Michele Guerra, per il caso macachi di Parma. “Per i macachi di Parma l’ex sindaco Pizzarotti non ci ha aiutato. Lei ci aiuterà?”

Signor sindaco scriviamo questa lettera aperta come cittadini e abitanti di questo pianeta per chiederle di seguire l’esempio del comune di Verona e intervenire anche lei come primo cittadino contro gli esperimenti sugli animali che purtroppo sono ancora in uso nell’università della sua città. Lei è il “primo cittadino”, e tutti noi come cittadini abbiamo il dovere di esporci chiedendo una ricerca etica e di fermare gli esperimenti sugli animali. Il comune di Verona si sta battendo insieme ai cittadini per fermare gli esperimenti sugli animali, hanno liberato i macachi in accordo con l’università di Verona (che ringraziamo tantissimo) e stanno cercando di salvare i cuccioli di beagle che sono in un centro sperimentale di Verona. Tantissimi cittadini sono ormai contrari agli esperimenti sugli animali, l’opinione pubblica è stata particolarmente scossa da tutto questo e le proteste non si sono mai fermate. Sono creature, hanno dei volti e hanno dei nomi. Loro sono Alan e Larry, Marta e Charlie, loro sono creature! Loro sono diventati ormai un SIMBOLO DI LIBERTÀ e sono entrati nel cuore di tutti. Ma quanti macachi sono già stati uccisi in tutti questi anni? Quanti cani, quanti gatti, quanti topi? Quante creature?
Tantissimi scienziati (vedi ad esempio la Limav) sono contrari alla sperimentazione sugli animali per ragioni scientifiche, e moltissimi cittadini come noi inoltre sono contrari a questi esperimenti per RAGIONI ETICHE, come lo sono tutte le persone che da anni stanno lottando in tutta Italia per salvare queste creature. Chiediamo pietà e cuore per queste povere creature innocenti e di aiutarci a fermare questi esperimenti. Scrivo non solo a mio nome ma a nome di tutte le persone che stanno lottando con tutto il cuore per salvare questi animali. E siamo tanti. Aiutateci ad aiutarli. Vogliamo una ricerca etica, che dia risultati senza sacrificare altre vite.
Oltre a un corpo da curare abbiamo anche una coscienza da tutelare e non possiamo accettare ciò che è umanamente inaccettabile. Tra i candidati per le elezioni “sindaco di Parma” c’era chi avrebbe aiutato i macachi rinchiusi negli stabulari, 3V Parma nel suo programma aveva inserito infatti l’impegno per la liberazione dei macachi, e sicuramente anche lo stesso Vignali, persona di cuore, avrebbe aiutato. In un congresso di Vignali sul benessere animale,  con ospite Michela Vittoria Brambilla, si era parlato infatti anche dei macachi e di tutti gli animali rinchiusi nei laboratori di sperimentazione. Per i macachi di Parma non abbiamo avuto aiuto dall’ex sindaco Pizzarotti, ora lei, avendo vinto il ballottaggio Guerra-Vignali e di conseguenza le elezioni comunali ed essendo il nuovo sindaco di Parma, ci aiuterà?
Sperando nel suo aiuto, infinitamente grazie.
Le associazioni Meta Parma, Avi Parma, Salviamo i macachi di Parma.
La invitiamo a considerare che il “caso macachi di Parma” è diventato un caso nazionale, e che ci sono 500.000 firme di cittadini italiani che vogliono la liberazione di Alan e Larry. Qui il link della petizione della Lav “CIVEDIAMOLIBERI”:

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.