Il 24 settembre è la Giornata mondiale del Gorilla: bracconaggio e distruzione delle foreste continuano a minacciare la specie, ma sono 24 le nascite del 2021 e la popolazione è in aumento

IL 24 SETTEMBRE È LA GIORNATA MONDIALE DEL GORILLA

In occasione della Giornata mondiale del Gorilla, che si celebra il 24 settembre, il WWF sottolinea come i gorilla di montagna, dopo essere arrivati sull’orlo dell’estinzione, stanno finalmente aumentando di numero. Un tempo, questi primati erano solo 254 sui monti Virunga, oggi sono oltre 600 (più 400 nel vicino Uganda), e la chiave del successo risiede nella decisa lotta al bracconaggio portata avanti negli ultimi anni.   Complessivamente oggi si stima la presenza in natura di oltre 1.000 esemplari.

ù

Gorilla al Virunga National Park 

I RISULTATI DI CONSERVAZIONE

Gli sforzi di conservazione per la salvaguardia del gorilla di montagna continuano a dare dei buoni risultati, tanto che 4 anni fa la specie è passata da “in pericolo critico” a “in pericolo” nelle categorie di rischio della IUCN.

BRACCONAGGIO E DISTRUZIONE DI FORESTE CONTINUANO A MINACCIARLI

Nonostante l’incremento delle popolazioni e il record di nascite registrato nel 2021 (24 nuovi cuccioli) la specie è ancora a rischio. A minacciare la sopravvivenza di questi primati non è solo il bracconaggio. Cambiamenti climatici, diffusione di patologie e deforestazione sono fattori che possono avere impatti gravi sulle popolazioni residue di questo affascinante primate.

 

 

 

fonte @wwf.it

Lascia una Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *